fbpx

Il Napoli da lezione di gioco al Tardini. Parma annichilito!

Napoli Milk as calemme

Il Napoli c’è ed è presente in un campionato dove il suo valore meriterebbe una migliore valutazione e gratificazione per il gioco espresso oltre alla continuità di prestazioni. Una migliore finalizzazione della manovra avrebbe evitato un notevole distacco da una Juventus cinica, ma che non convince sul piano del gioco

Il Napoli sconfigge il Parma al Tardini in un match facile da commentare. La squadra azzurra torna alla vittoria dopo due 0-0 consecutivi contro Fiorentina e Torino.

Due goal di Milik e le reti di Zielinski ed Ounas hanno determinato il punteggio di 0-4 per la squadra partenopea che ha dominato durante gli interi 90’ di una partita divertente e spettacolare grazie alla grande prestazione degli uomini di Ancelotti.

Il VAR  ha annullato una decisione dell’arbitro Chiffi che, dopo aver assegnato il rigore al Parma, è tornato sui propri passi grazie ad un un precedente fallo su Callejon.

La gara del Tardini ha messo in mostra un grande Napoli. Tutti i calciatori azzurri hanno disputato un ottimo match iniziando da un gioco con movimenti senza palla che non ha dato alcun riferimento agli avversari. Giocate individuali e corali che hanno annichilito la compagine di D’Aversa.

Da dove vogliamo iniziare per fare un’analisi sui singoli calciatori? Facile, si inizia ovviamente dalla difesa partendo dal solito ineguagliabile Koulibaly. Il calciatore senegale, impeccabile nelle chiusure e puntale nelle uscite, ha dato un’altra dimostrazione del suo notevole valore.

Bene, nel reparto difensivo, anche Luperto subentrato a Maksimovic infortunatosi nel corso del primo tempo e Malquit che ha limitato molto bene Gervinho oltre a creare spesso superiorità numerica in avanti.

Vogliamo far rilevare la solita  prestazione dell’inossidabile Callejon? Da capitano, per la squalifica di Insigne, effettua una gran partita con ripiegamenti in fase difensiva e puntuali sovrapposizioni in attacco sull’out di destra.

A centrocampo è superfluo descrivere e sottolineare la superba prova di Allan che arpiona palloni su palloni dai piedi dei calciatori del Parma e si disimpegna con notevole abilità.

Sufficiente la prestazione di Mertens a cui manca il goal per poter ritrovare fiducia e ritornare l’attaccante che -oltre all’apporto in fase di costruzione avanzata della manovra- risulta determinate anche nelle finalizzazioni delle occasioni create dai compagni: conclusioni a rete che vedono…

…Milik realizzare per ben due volte con una punizione frutto di una valutazione molto acuta in fase di esecuzione di un tiro che ha ingannato la barriera del Parma ed un goal di sinistro che gli permettono di arrivare a 14 goal in campionato.

Fabian Ruiz, ordinato nel suo gioco e con tecnica sopraffina, deve ancora migliore in continuità mentre il suo compagno di squadra Zielinski continua a deliziare i palati fini con una prestazione a tutto campo e con azioni travolgenti, coperture opportune ed un goal realizzato con precisione e freddezza.

Ounas? Si conferma in continuo progresso. Potrebbe essere l’arma in più di Ancelotti nel prosieguo della stagione.

Possiamo concludere dicendo che questo Napoli –a volte inopportunamente criticato- è una squadra consistente, espressiva, incisiva, operante, insomma PRESENTE nel panorama calcistico nazionale ed Europeo dove, dopo essere approdato agli ottavi di finale dell’Europa League, può disputare la competizione continentale con notevoli chance per far bene e rappresentare nel migliore dei modi il calcio italiano.

Vincenzo Vitiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.