fbpx

Napoli -Salisburgo, tanti commenti sulla squadra azzurra e altro a Radio Crc

Napoli

Filardi: quella di Koulibaly ci poteva stare, ma Maksimovic doveva stare più attento. Ad un certo punto mi aspettavo una sua sostituzione, anche per stare più tranquilli. Cosa manca a questo Napoli? Se il Napoli vuole vincere deve migliorare nei dettagli

Alcuni opinionisti e giornalisti sono intervenuti a Radio Crc -nel corso della trasmissione ‘Un Calcio Alla Radio’- per parlare del Napoli, della sfida di Europa League che la squadra azzurra ha sostenuto contro il Salisburgo e di altro.

Questi i loro interventi riportati da casanapoli.net:

Filardi: “Emergenza in difesa per la gara di ritorno. Io avrei tolto Maksimovic, vi spiego perché”

Massimo Filardi, ex giocatore del Napoli: “Il Napoli vince, ma Salisburgo squadra pericolosa? Contro la Stella Rossa capitò una cosa del genere. 3-0 è un grande risultato, ma le due ammonizioni andavano evitate.

Quella di Koulibaly ci poteva stare, ma Maksimovic doveva stare più attento. Ad un certo punto mi aspettavo una sua sostituzione, anche per stare più tranquilli. Cosa manca a questo Napoli? Se il Napoli vuole vincere deve migliorare nei dettagli. Noi abbiamo perso contro la Juve per i dettagli. Purtroppo ci è già costata la Champions.

Meret migliore in campo? Se vincevi 3-0 e il migliore è Meret forse c’è un problema (scherza ndr). Certo ha fatto una parata importante. Tecnicamente è un fenomeno, gli manca solo un po’ di struttura fisica che acquisirà col passare del tempo. Poi c’è un Fabian Ruiz che si conferma su ottimi livelli”.

Guelpa: “Ho appena saputo di un possibile accordo tra la Juventus e Guardiola ”

Luigi Guelpa, giornalista de Il Giornale: “Inter e Napoli? Io avevo detto qualche mese fa il che il PSG non avrebbe fatto molto strada. Chiusa la parentesi, per l’Europa League c’è un equilibrio pazzesco. Sono successe cose sorprendenti e cose pazzesche potremmo vederle al ritorno.

Inter rischia? È vero che c’è un problema Icardi ed è un problema che ha contagiato tutto lo spogliatoio, ma c’è molto equilibrio. Spagnole avversarie più pericolose? Se passano sì. C’è molto equilibrio e la coppa può andare nella bacheca di quasi tutte le squadre. Cosa manca al Napoli? Credo che gli manchi qualcosa per far bene in Champions, ma in Europa League può fare molto bene.

Sono discretamente fiducioso sul cammino del Napoli, anche perché andando avanti e vedendo gli avversari, a parte il Chelsea, credo che il Napoli possa far bene. Meret? Meret è un portiere molto completo e ha bisogno di fiducia.

Io credo davvero che abbia dimostrato di avere più personalità di Donnarumma. Meglio di Donnarumma? Secondo me sì a parità di personalità.

Mi auguro che Mancini faccia delle scelte in tal senso. Credo che possa sperimentare questo ragazzo che a Napoli sta facendo bene e che ha una bella testa. Napoli sale nel ranking? Credo poco alle classifiche.

Credo che il Napoli può migliorare con qualche inserimento importante per far fare il salto di qualità, mantenendo i giocatori forti come Allan e Koulibaly. Prima di lasciarvi voglio dirvi che ho saputo che Guardiola avrebbe già raggiunto un accordo verbale con la Juventus per i prossimi 4 anni. È la stessa persona che mi disse che Ronaldo sarebbe andato alla Juve. Sarebbe un terremoto”.

Mandorlini: “Diawara e Verdi? Difficile trovare spazio in questo Napoli”

Andrea Mandorlini, allenatore: “Ieri il Napoli è stato bravo. Saltava questo pressing asfissiante con verticalizzazioni e ha fatto male spesso e volentieri. Poi sono venuti  a galla i difetti del Salisburgo. Credo che De Zerbi verrà a prenderli alti.

Il Napoli sta bene ed è motivato. Verdi e Diawara?  Il Napoli è nelle mani di un grandissimo allenatore. Se fa altre scelte in questo momento, di certo non va. Il valore del Napoli è altissimo nei tre davanti e nei tre in mezzo al campo.

Al Napoli si fa fatica a giocare, serve avere qualcosa davvero in più, che in questo momento i giocatori appena nominati non hanno. Verdi ha qualità e ci vorrà tempo, ma se Ancelotti fa queste scelte va bene”.

Monti: “Questo Napoli mi sorprende”

Gianluca Monti, giornalista de La Gazzetta Dello Sport: “Soprendersi di Ancelotti sottolinea tutti i miei limiti da giornalista. Non me lo aspettavo. Non avevo dubbi sulla bravura Ancelotti, ma il Napoli veniva fuori da 3 anni di Sarri.

Ancelotti ha saputo modellare anche quel gruppo. Il Napoli è vero che ha 13 punti in meno, ma è pur vero che quello che ha fatto il Napoli l’anno scorso difficilmente vedremo. Dopo Mourinho tutti hanno fatto fatica ad inserirsi, pensavo potesse capitare la stessa cosa e, invece, Ancelotti ha fatto benissimo. Mertens? È un 9 con i piedi da 10. Può giocare da prima punta come ha fatto con Sarri, può giocare anche da 10 come ha fatto ieri sera ”.

Benvenuti: “In Europa l’esperienza di Ancelotti fa la differenza”

Francesca Benvenuti, giornalista Mediaset: “Cosa è successo a Roma? Sta per iniziare il Ranieri bis anche ritornando ad un periodo glorioso, visto che lui sfiorò lo scudetto subentrando a Spalletti.

Certo è una soluzione ponte verso un’ennesima rivoluzione tecnica che si prospetta in estate. La decisione l’ha presa Pallotta. Oggi Monchi lascerà anche lui la Roma. Ancelotti determinante? È un palcoscenico quello Europeo, dove la grande esperienza di Carlo può fare la differenza.

Io credo che al di là del fatto che sia l’unico obiettivo rimasto al Napoli, che gli azzurri abbiano davvero il dovere di onorare questa competizione”.

Editoradio: “Meret, un predestinato”

Umberto Chiariello con il consueto appuntamento con il suo Editoradio: “Napoli-Salisburgo 3-0 come il Chelsea, le uniche due tra le favorite che prendono un netto distacco per la partita di ritorno. C’è una grande differenza.

Il Salisburgo dalla cintola in su è una squadra pericolosa. Attenzione il Salisburgo in casa è una squadra diversa, ma dietro un disastro clamoroso. Io una coppia difensiva come quella di ieri sera in termini negativi non la vedevo da anni.

Ho visto, però, un Napoli molto produttivo. Il Napoli ha una sua solidità,una sua quadra e un suo sistema di gioco che produce molto, che concede poco, anche se ieri ha concesso troppo.

In porta c’è un grande portiere perché quella parata nel finale è da fenomeno! Anche senza Koulibaly andremo a Salisburgo e strapperemo il biglietto”.

Vecchi: “Con Meret e Donnarumma Mancini tranquillo per i prossimi anni”

William Vecchi, ex preparatore portieri di Ancelotti: “Meret da Nazionale? La prima volta che lo vidi fu nel 2013 in un Milan-Udinese allievi nazionali e fece una prestazione eccezionali.

Con Carlo e con lo staff poi si parlava spesso di portieri del futuro, del possibile nuovo Buffon e pensavamo che Meret fosse tra i papabili, ma non conoscevo Donnarumma. Dico che noi siamo messi bene. Mancini per molti anni avrà due grandi portieri.Ancelotti? Ancelotti sa fare quello che sa fare, far giocare bene le squadre.

Purtroppo quest’anno c’è stato un momento in cui non la buttavano dentro. Siete fortunati ad avere il migliore. Navas al Real? Il calcio è strano perché ha vinto tre coppe dei campioni di seguito ed è la riserva di Courtois, che è un grande.

Navas e Ospina? Se giocano nel Real Madrid, Ospina ha giocato nell’Arsenal e nel Napoli, non possono essere fortunati sono solamente bravi. Loro sono anni e anni che sono sulla cresta dell’onda e sono portieri bravi”.

Ciotti: “Dall’AIA nessuna trasparenza”

Gianluca Ciotti, avvocato dell’arbitro Gavillucci: “Cosa sta avvenendo a Gavillucci? È stato dismesso perché per l’AIA ultimo in graduatoria.

Abbiamo chiesto di vedere i referti con i relativi ai voti. Il tribunale federale ce lo ha concesso dando all’AIA 10 giorni per ottemperare. L’AIA si è appellata. Era un suo diritto, ma mi chiedo il concetto che si dà qual è? “Non vi vogliamo dare i voti”.

Quindi il concetto è che l’attività dell’AIA è segreta. Posso dire che in un altro giudizio che riguarda un altro arbitro che voleva integrare il contraddittorio, si è trovato una platea di soggetti più ampia e con una difficoltà maggiore per il reperimento di indirizzi, cosicché che ha chiesto all’AIA di fornirglieli, ma non gli sono stati forniti.

Ha fatto ricorso al tribunale federale, il quale ha intimato all’AIA di produrre gli indirizzi, non li hanno prodotti. Cosa si intende per indirizzi?Mail o abitazioni dove poter notificare l’atto.

Evidentemente era anche quello un dato da tener segreto e siamo nella segretezza. Serve trasparenza? Ci costituiremo. Ho piena fiducia che l’11 non si possa ammettere che un arbitro possa essere dismessi con questi criteri. Ho piena fiducia che il Collegio di Garanzia confermi la sentenza della corte d’appello e che Gianluca venga riammesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.