fbpx

Ancelotti: “Stiamo investendo nei giovani. Questo è il nostro piano per arrivare a vincere”

Ancelotti

Ancelotti: la società ha preso una squadra fallita e ora è stabilmente in Champions e non ha debiti.  Stiamo investendo nei giovani, come dimostrano Meret e Fabian Ruiz

Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, ha ricevuto questa mattina all’Università di Roma  il “Premio Tor Vergata etica nello sport”, ed ha parlato anche agli studenti presenti alla premiazione. Queste le sue parole:

“Anche se è sempre più difficile e complicato, voglio che il calcio resti quello del quale mi sono innamorato quando ho cominciato all’oratorio  -riporta gazzetta.it- Questo sport non deve essere inquinato, non bisogna allontanarsi da quelli che sono i valori, sia mentali che fisici, che lo contraddistinguono.

Avevo portato mio figlio nelle giovanili del Milan, ma era evidente che, per le qualità che aveva, non poteva giocare lì. Lo sport però non ci insegna a competere con gli altri, ma anche con se stessi. Bisogna imparare a superare i propri limiti fisici e mentali. Non tutti nascono Messi o Ronaldo.

Per me lo sport è una grande scuola di vita, questo premio mi motiva a continuare. Sono stato tanti anni all’estero, credo che altrove siano molto più avanti di noi nella cultura sportiva. In due anni in Inghilterra non ho mai ricevuto un insulto, qui invece ci insultiamo ancora”.

Un problema sono anche gli stadi: “Non voglio dire di sbloccare i cantieri perché farei politica, ma i nostri impianti devono migliorare, specie il San Paolo. Nonostante tutto i miei anni all’estero mi hanno fatto capire quanto è bella l’Italia”. Nell’aula Fleming, gremita, gli studenti fanno a gara per porgere ad Ancelotti qualche domanda.

Il primo a prendere parola è un tifoso del Napoli, che vuole sapere quando i partenopei saranno pronti per vincere qualcosa di importante: “Il progetto a Napoli c’è.

La società ha preso una squadra fallita e ora è stabilmente in Champions e non ha debiti.  Stiamo investendo nei giovani, come dimostrano Meret e Fabian Ruiz. Questo è il nostro piano per arrivare a vincere”.

Impossibile invece rispondere a chi gli chiede di scegliere il giocatore migliore che abbia mai allenato:

“Pensiamo solo ai portieri: ho avuto Peruzzi, Van Der Saar, poi Buffon, Dida, Abbiati, Cech, Sirigu, Casillas, Diego Lopez… Credetemi, è impossibile sceglierne uno solo. Se dicessi Ronaldo mi scorderei Ronaldo il brasiliano, Drogba, Inzaghi che con me ha fatto 300 gol, Sheva…”.

Tanti anche i tifosi del Milan presenti. Uno di questi gli chiede se la sconfitta di Istanbul contro il Liverpool sia stato il momento più difficile della sua carriera: “Non mi prendo mai troppo sul serio. In una partita di calcio possono succedere tre cose: si può vincere, pareggiare o perdere.

Di peggio non può succedere nulla. A Istanbul abbiamo perso male, ma senza il supporto della società sarebbe finita. Il Milan in quell’occasione si comportò da società, capendo che avevamo giocato bene anche se il risultato non ci aveva premiato. Da lì siamo ripartiti”.

A chi, scherzando, gli ricorda la promessa di tornare un giorno a Roma per sedersi sulla panchina dei giallorossi, Ancelotti risponde con un sorriso: “Sono giovane, molto giovane. Sono arrivato a Roma 40 anni fa, è stata una bellissima esperienza che ricordo fino in fondo anche perché il ginocchio mi fa male ogni giorno”. Conclude Ancdelotti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.