fbpx

Ag Younes: “Siamo felici a Napoli grazie ad Ancelotti”

Younes gonfialarete.com

Innocentin: L’anno prossimo con Younes? E’ nei nostri programmi restare, il Napoli ha ambizioni importanti ed è giusto avere una rosa ampia e di qualità

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione in onda su Radio CRC, è intervenuto Nicola Innocentin, procuratore tra gli altri di Amin Younes
Queste le sue parole:
“Amin ha delle qualità che non erano certo sconosciute e adesso sta trovando la continuità che gli mancava di prima. Sta anche segnando, mi auguro che prosegui così. E’ un bravissimo ragazzo, molto dedito al lavoro e lo ha dimostrato coi fatti, rispondendo al meglio.
Spero che da qui alla fine della stagione Amin riesca a prendersi lo spazio e le soddisfazioni che gli sono mancate fino adesso. E’ tornato molto bene a livello fisico.
Tatticamente è un giocatore duttile, capace di giocare sia a destra che a sinistra.
Quarto di centrocampo? Non è il suo ruolo ideale, ma può certamente farlo. L’infortunio? Si stava allenando con il suo preparatore atletico e si ruppe il tendine d’Achille.
La fuga di gennaio scorso? Preferisco analizzare il presente e l’apporto che sta dando ora alla squadra. E’ contento a Napoli e con Ancelotti c’è un rapporto ottimo. Faccio i complimenti al mister che ha sempre tenuto l’entusiasmo vivo in Amin, è stato fenomenale nella gestione del ragazzo.
Amin ha legato tanto con Koulibaly, Mertens e Milik, ma va bene con tutti.
Parla poco e fa tanto, e i personaggi così vengono sempre accolti bene. Il Celta Vigo? L’idea era quella di cercare maggiore minutaggio altrove, ma internamente sono cambiate delle valutazioni e alla fine abbiamo scelto di restare.
L’anno prossimo? E’ nei nostri programmi restare, il Napoli ha ambizioni importanti ed è giusto avere una rosa ampia e di qualità. Assomiglia tanto a Mertens e ad Insigne, l’idea era quello di trovare un calciatore affine al gioco del Napoli. La città di Napoli ha la capacità di conferire simpatia a tutti, Amin è un ragazzo sveglio che ha voglia di integrarsi il prima possibile”. Conclude Innocentin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.