fbpx

Tanto Napoli ad ‘Un Calcio Alla Radio’: mercato, sfida con l’Empoli, l’Arsenal ed altro

Napoli Milk as calemme

Amuso, Ansa (Londra):  “L’Arsenal è la squadra inglese più in forma nella League. Ieri hanno vinto chirurgicamente con un goal per tempo e una mole di gioco importante.Il Napoli deve puntare ad una buona partita all’Emirates per poi, giocare alla grande al San Paolo

Opinionisti e giornalisti sono intervenuti in diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione in onda su Radio CRC, per parlare del mercato del Napoli, di EmpoliNapoli ed ArenalNapoli.

Questi i loro interventi riportati da casanapoli.net:

 Marcel Vulpis: “Il Napoli deve fare il salto di qualità non solo in campo o con i diritti tv ma sul commerciale e sullo stadio”

Marcel Vulpis, SportEconomy: “Il Napoli può fare un gran salto di qualità se ci crede ed ha una maggiore autostima nei propri mezzi. Ancelotti deve fare un bel lavoro psicologico sui calciatori. Poi, bisogna capire cosa vuole fare De Laurentiis del tesoretto economico che possiede. Vincere aiuta a guadagnare sicuramente. Ricordiamo
che i costi sono più dei ricavi dal momento che la fanbase del Napoli è minore rispetto alla Roma che vi è sopra. In più, c’è un problema che riguarda il commerciale e lo stadio; c’è bisogno di un salto di qualità da questo punto di vista. De Laurentiis, non mi sembra, che possa prendere dalla sua tasca i soldi che mancano. Nessuno è in grado di farlo, se non la Juventus”.

Tommaso Carmignani: “L’Empoli gioca bene ma non fa goal. Bennacer come Pirlo se sostenuto ed è da Napoli”
Tommaso Carmignani, La Nazione: “Il dubbio nella formazione dell’Empoli riguarda Maietta e Veseli, se gioca Silvestre. Quest’anno, l’Empoli ha un centrocampo molto tecnico ma con poca esperienza.

L’Empoli gioca molto bene ma non è concreta; non riesce a concretizzare facendo goal. Bennacer è da Napoli ma bisogna metterlo nelle condizioni di giocare bene. Accanto dovrebbe avere un giocatore che corre anche per lui. Il paragone che sto per fare è troppo grande ma per rendervi l’idea voglio farvi il nome di Andrea Pirlo che è stato il più grande regista italiano mai avuto ma giocava in maniera ottima se sostenuto alla grande”.  

Lorenzo Amuso: “Arsenal e Napoli sono alla pari. Fuori casa, i Gunners zoppicano e il Napoli dovrà approfittarne. Ramsey è l’uomo chiave, complimenti alla Juventus”
Lorenzo Amuso, Ansa (Londra): “L’Arsenal è la squadra inglese più in forma nella League. Ieri hanno vinto chirurgicamente con un goal per tempo e una mole di gioco importante. I tre punti ottenuti consentono di scavalcare il Tottenham e di effettuare la decima vittoria consecutiva in casa dove sono spietati mentre fuori casa, zoppicano un po’.

Il Napoli deve puntare ad una buona partita all’Emirates per poi, giocare alla grande al San Paolo. Arriva nel momento giusto la doppia sfida con il Napoli perchè esiste il blocco dell’Arsenal fuori casa. Per l’Arsenal, quest’anno, la priorità è tornare in Champions; i prossimi tre impegni, a cavallo con il Napoli, sono partite abbordabili perchè troveranno tre squadre con nessun obiettivo di mercato e ciò consentirà all’allenatore dell’Arsenal di poter effettuare un turn over a cui i tifosi sono abituati. Ramsey, negli ultimi due mesi, è stato l’uomo insostituibile della squadra. Un gran bel colpo per la Juventus”.

Francesco Baiano: “Zielinsky e Milik hanno molti margini di miglioramento. Il Napoli punterà su di loro”
Francesco Baiano, ex Empoli e Napoli: “La differenza sono le motivazioni e soprattutto i valori. In una partita secca, come quella con l’Empoli contanto anche i punti di differenza e se il Napoli gioca come ci ha abituati non sarà semplice per l’Empoli. Zielinsky doveva trovare quest’anno solo la continuità; può ricoprire tutti i ruoli del centrocampo.

Ha tutto per diventare il migliore ma da lui mi aspetto molto di più. In Europa ci sono degli attaccanti più forti di Milik ma il Napoli punterà su di lui. E’ tornato in una forma strepitosa e quando un attaccante trova goal e continuità, fa solo bene. Meriterebbe di essere confermato l’anno prossimo; ricordiamo che ha appena 25 anni ed ha ancora margini di miglioramento”.  

Beppe Accardi: “Molti club sono interessati a Bennacer. Il Napoli è uno dei primi club da tenere in considerazione”
Beppe Accardi, intermediario: “Il Napoli ha dei giocatori che servono a fare rosa e non cassa. A volte, ci sono giocatori che durante l’anno possono non essere presenti e poi, all’impovviso, risolvono le partite.

Ad esempio, Spinazzola della Juventus. Ci sono diversi club che puntano a Bennacer. Sicuramente, il Napoli è una delle grandi società che si prende in considerazione. Andare al Napoli, permette di crescere con maggiore serenità rispetto ad altre squadre. La Juventus continua a vincere perchè è riuscita a costruirsi uno zoccolo duro di giocatori che non è mai andato via. A De Laurentiis non gli si può dire nulla. Napoli, oggi, è una realtà e non un’ipotesi e si sta avvicinando a giocatori e a livelli molto alti. Quando Ancelotti dice che si incatena se gli cedono Koulibaly sono cavoli amari per il presidente”.  

Luigi Guelpa: “Il Napoli tenga sott’occhio Bennacer e Krunic”
Luigi Guelpa, Il Giornale: “Da qui in avanti, assisteremo ad un Campionato noioso perchè Juventus e Napoli sono altrove rispetto alle altre che, però, stanno lottando per il posto in Champions.

Non credo che possa accadere qualcosa di clamoroso tra i primi e i secondi ma di sicuro è interessante vedere chi arriverà al terzo e al quarto posto perchè ad ogni partita si inguaiano da sole. L’Empoli gioca bene e se fossi il Napoli guarderei Bennacer e Krunic perchè sono giovani e forti. L’Empoli è una squadra giovane che non ha nulla da perdere e non ha timori reverenziali. Se non ci fosse stato il guizzo di Kean, forse, sarebbe finita in pareggio”.

Luigi Cagni: “Ancelotti ha fatto un lavoro eccezionale. Contro l’Empoli, il Napoli non sarà come la Juventus”
Luigi Cagni, allenatore: “Il numero del Napoli più importante sono i goal fatti. Ne ha subiti tanti ma è tutto nella norma. Carlo Ancelotti ha fatto un lavoro eccezionale perchè ha fatto giocare chi non si era mai visto nella gestione precedente. Guardo pochi numeri: il Napoli ha fatto 56 goal, l’Empoli ne ha presi 55. Il Napoli non sarà la Juventus perchè sta preparando lo scontro con l’Arsenal e se non prenderà la partita sottogamba, non ci sarà gara”. 

Federico Ruffo: “Riesumata la salma di Raffaello Bucci, capo ultrà Juventus. Un segnale importante per la famiglia”
Federico Ruffo, Report: “Ieri è stata riesumata la salma di Raffaello Bucci, capo ultrà della Juventus. Ci è voluto più di un anno perchè il Pm ha proceduto in maniera lenta. Quando è andata in onda la puntata di Report con quest’inchiesta è cambiato il procuratore capo e sono state ascoltate altre persone.

E’ importante capire se i segni sul corpo di Bucci fossero di un pestaggio di poco precedente ma non credo arriveranno novità interessanti. C’è un’indagine aperta dalla Procura di Cuneo che ha lanciato un segnale importante soprattutto per la famiglia. Credo che ci siano delle piste più valide da seguire ma è normale che la Procura di Cuneo le tenga sottotraccia per effettuare in modo consono le varie attività di ricerca”.

Paolo De Paola: “Napoli, attenzione all’Empoli. Contro l’Arsenal si parte sfavoriti ma bisogna giocare il tutto per tutto sin dall’inizio”
Paolo De Paola, giornalista: “Bisogna prendere atto che l’Empoli ha reso la vita dura alla Juventus sia all’andata sia al ritorno. E’ un avversario da non prendere sottogamba. A questo punto della stagione, il Napoli ha altri obiettivi.

Forse, in alcuni casi, giocare male porta più punti. Se il Napoli vince l’Europa League, l’annata si può considerare ottima. Perdere 10 punti rispetto all’anno scorso perchè si è dato fiducia a tutti i giocatori, darà i suoi frutti l’anno prossimo. Arsenal e Napoli non sono alla pari. Basta guardare la lunghezza della panchina. L’Arsenal è favorito e il Napoli deve considerare le due partite non gestibili; non deve arroccarsi per difendersi. Ancelotti sa benissimo quanto vale l’avversario in Europa League”.

Umberto Chiariello: “Servono giocatori dal pedigree illustre”
Editoradio di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC: “Il Napoli ha fondato questo cioclo da 6 anni targato Benitez su un’intuizione. Dopo Mazzarri che aveva una mentalità provinciale come Sarri, De Laurentiis decise di europeizzare il Napoli con calciatori di esperienza ma non troppo.

Callejon era la riserva di Di Maria, Higuain contendeva il posto al pupillo del presidente dei blancos Benzema e Reina era stato mandato via dal Bayern Monaco.Mantenere i propri big ha un prezzo. Ecco, la vera sfida sarà nello scegliere di mantenere o vendere i top player già presenti in azzurro”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.