fbpx

Napoli-Cagliari 2-1: opaca prestazione degli azzurri, da salvare solo i tre punti

Insigne

Nel brutto posticipo domenicale Napoli-Cagliari, giocato al San Paolo, hanno la meglio gli azzurri. Al gol di Pavoletti rispondono Mertens ed  Insigne.

 

Napoli-Cagliari, match valido per la trentacinquesima giornata del campionato di Serie A, non è stata la più bella partita della stagione.

Il Napoli, che ha visto rientrare in campo Raul Albiol, uomo fondamentale per la retroguardia partenopea, nonostante la vittoria, non ha giocato una grande partita.

Molto possesso palla per gli uomini di Ancelotti che però, nel corso di tutta la gara, hanno avuto grosse difficoltà a trovare la via della rete.

Poche, pochissime idee offensive per i padroni di casa che, per trovare il primo tiro in porta hanno dovuto aspettare il cinquantasettesimo minuto del secondo tempo:

Mertens, sicuramente uno dei più brillanti in campo e in questo finale di stagione, si esprime con due finte ubriacanti e lascia poi partire un tiro sul primo palo che Cragno è bravo a deviare in corner.

Il Napoli, poco convincente, si riassume tutto in questo tentativo di Mertens ed in un possesso palla sterile che si consuma fino al limite dell’area di rigore cagliaritana.

Bravo Maran ad applicare una fase difensiva ordinata che non ha dato grossi sbocchi alle giocate d’attacco dei partenopei.

Insigne, uno dei più attesi della partita per il periodo difficile dal quale veniva, è parso svogliato, poco dinamico e distratto.

Gli altri, salvando la pace di Mertens e Koulibaly, gli hanno fatto compagnia.

Nell’apatia del campo e degli spalti (Stadio San Paolo quasi vuoto), quando tutti già pensavano ad uno scialbo pareggio, al minuto sessantadue, arriva, puntuale, il gol dell’ex.

Pavoletti incrocia un gran tiro alle destra dell’incolpevole Meret e porta in vantaggio, immeritatamente, gli ospiti.

Al goal di Pavoletti il Napoli cambia registro e reagisce: entrano Milik, Fabian Ruiz e Callejon.

Gli azzurri affrontano la seconda parte della ripresa con piglio differente.

Iniziano a produrre azioni pericolose e vanno più volte vicino al gol.

Da segnalare il palo colpito di testa da Mertens, numero ventisei di stagione per il Napoli.

Lo stesso palo rappresenta solo la prova del goal, infatti, qualche minuto dopo, ben assistito da Ghoulam, sempre di testa, Dries Mertens trova la rete del pareggio.

In virtù di quanto visto in campo, l’uno a uno sarebbe il risultato più giusto ma, allo scadere succede di tutto.

Napoli-Cagliari si tinge di giallo: l’arbitro Chiffi, che in precedenza aveva sorvolato sull’accaduto, richiamato dal Var, fischia un rigore discutibile per il Napoli.

Cross di Ghoulam dalla sinistra, Cacciatore impatta con un braccio. Per la direzione di gara, dopo consulta con il Var, è rigore!

Dal dischetto si presenta Insigne che, con freddezza, trafigge la porta difesa da Cragno e spazza via tutte le polemiche delle settimane precedenti.

Napoli-Cagliari finisce due a uno per gli azzurri.

Il Napoli vince, non convince, ma vola a più dieci sull’Inter e conquista matematicamente il secondo posto in campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.