Marino: ”Per il Napoli le prospettive sono quelle di riconfermarsi tra le prime 3 in classifica”

Marino: De Laurentiis non fa nulla per invogliare lo stadio San Paolo di Napoli a riempirsi

Pierpaolo Marino è intervenuto a Radio Sportiva nel corso delle trasmissione ‘Microfono Aperto’ per parlare di molti argomenti ed anche di De Laurentiis e del Napoli.

Queste le parole del dirigente sportivo:

SU CALHANOGLU: Lo vedrei mezz’ala in un centrocampo a 3. E’ un giocatore che può dare il suo contributo. Il Milan farà delle scelte per trasformare un po’ la squadra. Paquetà dovrà essere valorizzato come rifinitore.
SU VETTEL: L’ipotesi che possa essere sostituito potrebbe serpeggiare nella testa dei dirigenti Ferrari.
SU FONSECA: Roma realtà difficile, penso dovrà pagare lo scotto di chi deve ambientarsi in un calcio così diverso da quello dell’est. Ha dimostrato ottime doti e magari potrebbe essere una sorpresa vincente.
SU ALLEGRI: Un allenatore che vince 5 scudetti consecutivi e arriva 2 volte in finale di Champions avrà sicuramente tante richieste. E’ solo con il tempo che lui deciderà il meglio.
SUL NAPOLI: Non si può contestare granché nei risultati ottenuti ma non c’è un appeal positivo tra quel che comunica il Presidente e quel che recepisce la gente. De Laurentiis non fa nulla per invogliare lo stadio a riempirsi. Per il Napoli le prospettive sono quelle di riconfermarsi tra le prime 3 in classifica. Il prossimo campionato si vincerà con meno punti rispetto alle precedenti edizioni.
SU DYBALA: Dipende dalla scelta del nuovo allenatore. Se arriverà Sarri, la riconferma potrebbe avere un senso, con un ruolo alla Mertens che con lui ha fatto grappoli di gol. Con altri allenatori bisognerà vedere.
SULL’AVELLINO: Mi piacerebbe rivederlo in Serie A, lo auguro fortemente alla nuova proprietà.
SU HIGUAIN: Un eventuale cessione deve avere il placet di Sarri se sarà ufficialmente l’allenatore della Juve. Se la Juve fa delle scelte lo fa dal punto di vista tecnico e comportamentale. Il feeling tra Higuain e la Juve si è interrotto l’anno scorso ed è difficile da recuperare.
SU ICARDI: Non credo possa restare all’Inter, soprattutto per le problematiche della comunicazione esterna, non in linea con un club importante e vincente come quello nerazzurro.
SU VERRATTI: Ha avuto una carriera precoce, adesso ha una collocazione tra i top player del PSG e in Nazionale sta avendo il giusto risalto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi collaborare con CANAPOLI.NET ? CLICCA QUI