fbpx

Cecchi: ”Non c’è un caso Mertens, ma in Italia la furbizia prevale sulla tecnica”

Cecchi

Cecchi: se avessimo squalificato Mertens avremmo fatto qualcosa di positivo per il calcio italiano, così come andava squalificato Chiesa lo scorso anno

Stefano Cecchi, durante la trasmissione ”Microfono Aperto” di Radio Sportiva, ha risposto alle domande in diretta degli ascoltatori. Ecco le sue considerazioni sul caso Icardi, sul mercato dell‘Inter, sul Var e sul caso Mertens.

Queste le sue parole:

Sul caso Icardi: “Il bravo dirigente sa gestire i problemi, non farli deflagrare: il caso Icardi rischia di essere un boomerang economico per l’Inter. Ma un po’ se l’è cercata. Mobbing? Usiamo il termine per chi davvero deve subire angherie e non per chi è un privilegiato”.
Sull’attacco interista: “Lo United ha speso tanto per il mercato degli attaccanti. Lukaku può ancora esplodere, sa riempire l’area anche se è un altro tipo di centravanti. Per Sanchez è diverso: viene da stagioni difficili e l’Inter si affida a una coppia che ha fallito in Premier. La scelta dell’Inter è rivoluzionare una squadra di tanti talenti singoli per cercare un’amalgama che possa funzionare bene a pieno regime facendo un calcio diverso. Con meno star ma più coro”.
Sul Var e il caso Mertens: “Non esistono immagini “nascoste” per gli arbitri: vedono le stesse delle tv. Non c’è un caso Mertens, ma uno in cui gli attaccanti sono convinti che la furbizia prevalga sulla tecnica. È un problema di tutto il calcio italiano.
Se avessimo squalificato Mertens avremmo fatto qualcosa di positivo per il calcio italiano, così come andava squalificato Chiesa lo scorso anno. In Premier non succede, perché quel mondo espelle la furbizia. L’esigenza di eliminare dal calcio i simulatori riguarda il movimento nel suo complesso, non è certo una crociata contro il belga. Ma è un modo per ridare serietà a tutto la nostra Serie A”.
Su Nkoulou e il Torino: “Sono rimasto anch’io stupito del ‘non ci sono con la testa’. Giocare a calcio è meraviglia. Il Toro? Perché non sperare l’impresa… In campo non ho visto un grande divario e in una gara da all-in il cuore e la voglia granata possono farcela”. Conclude Cecchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.