fbpx

Fabio Liverani a DAZN: “Napoli costruito per vincere. Perdere 1-0 o 4-1 non cambia”

Fabio Liverani conferenza stampa

Fabio Liverani, ex calciatore, attualmente allenatore del Lecce, è intervenuto ai microfoni di DAZN per commentare la partita di quest’oggi al “Via del Mare”

Fabio Liverani, ex calciatore, attualmente allenatore del Lecce, è intervenuto ai microfoni di DAZN per commentare la partita di quest’oggi al “Via del Mare”. Il tecnico dei salentini si è soffermato sul fatto che il Napoli abbia una struttura per vincere (a maggior ragione dopo il successo europeo contro il Liverpool) e che abbia dei giocatori straordinari. Inoltre, continua Liverani, che perdere per 1-0 o per 4-1 non cambia molto di sostanza, poiché una sconfitta è pur sempre una sconfitta.

Queste le sue parole:

“Le batoste lasciano il tempo che trovano, 1-0 o 4-1 non cambia nulla, servono per il fantacalcio. Abbiamo preso gol su un doppio rimpallo, quello che abbiamo sbagliato troppo oggi sono le ripartenze a palla nostra. Il secondo gol rigore ineccepibile, mi auguro di vedere tanti altri gol ripetuti in Serie A visto che sono stati cosi precisi e bravi su questo. Ci sono state piccole cose che dobbiamo migliorare giocando, facendo esperienza e crescendo. Non eravamo fenomeni dopo Torino e non siamo scarsi dopo Napoli.

Non volevamo prendere tante ripartenze, quando poi riparti devi dare tempo agli altri di arrivare, giocatori come Falco e Farias devono dare di più, tenere ed aspettare gli esterni, dovevamo essere bravi a palleggiare in certi momenti ed accelerare in altri. Una squadra come il Napoli sa fare tutto, costruire per vincere in campionato e andare avanti in Europa, se non gestisci un po’ il pallone poi loro fanno quello che vogliono.

Mi aspettavo più personalità tecnica, vorrei che la mia squadra abbia meno tarli quando ha palla al piede. Mi rammarico quando facciamo errori per una questione di ansia o di paura di giocare la palla, questo è un percorso di crescita che dobbiamo fare e che stiamo facendo. La squadra poteva fare la partita con un pizzico di personalità tecnica in più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − 4 =