fbpx

Chiariello: “Campionato falsato! Partita rubata””

Radio Punto Nuovo Chiariello

Chiariello attacca la Juve: “Partita rubata. Campionato falsato!”

TORINO – Il finale di partita tra Juve e Bologna è stata segnata dalle polemiche degli ospiti che chiedevano un calcio di rigore. Sul canale 21, durante ‘Campania Sport’, il giornalista napoletano Umberto Chiariello è esploso in diretta in una polemica chiara: “Al 93′ la Juventus ha rubato la partita! E’ una vergogna. E’ incredibile. La Juve ha rubato la partita, il rigore è netto, c’è sia il fallo di mano di De Ligt che una spinta su Orsolini. Al 93′ da regolamento non si può dare il rigore contro la Juve? Ma festeggiano pure? Vergognatevi. Rivedendo le immagini è davvero scandaloso questo rigore non dato! Così il campionato è falsato”.

Calmata la rabbia, Chiariello ha dichiarato: “La natura prevale su tutto e non riesco a non dire ciò che penso. Abbiamo due grandi monitor, quando facciamo la nostra trasmissione: seguiamo ciò che accade in campo al momento, ma non possiamo sentire la telecronaca e ci limitiamo a vedere le azioni, come il tocco di mano di Matthijs de Ligt contro il Bologna. In quell’occasione, ci siamo guardati tutti basiti e ci siamo chiesti come fosse possibile non dare quel rigore”.

Chiariello ha poi aggiunto: “Ho sentito l’ingiustizia sulla pelle ed ho urlato: gli juventini sono i più forti, hanno Maurizio Sarri in panchina e non c’è bisogno degli aiuti. ‘Che schifo’… E invece, devo dire che avevo sbagliato, perché il regolamento, in quella occasione, è stato applicato bene. Da regolamento, infatti, quello non è rigore. Sono contento di chiedere scusa, perché vuol dire che il campionato è regolare. Dico una cosa forte: la Juventus è stata sfavorita contro il Bologna. Ho rivisto tutte le occasioni chiave e ci sono stati più episodi contro che pro Juve. A caldo avevo gridato cose forti, ma mi ero sbagliato. Per la Juve a inizio gara c’era un rigore ma non lo hanno assegnato”, ha concluso il giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.