fbpx

Napoli, report allenamento ed i convocati di Gattuso

mr gattuso

Seduta pomeridiana per il Napoli al Centro Tecnico in vista della gara in programma domani contro il Parma

Seduta pomeridiana per il Napoli al Centro Tecnico in vista della gara in programma domani contro il Parma

Gli azzurri preparano il match contro il Parma di domani al San Paolo per la 16esima giornata di Serie A alle ore 18.

Dopo una prima fase di attivazione in palestra la squadra si è spostata sul campo 2. Ad inizio seduta riscaldamento ed esercitazioni tecnico tattiche, a seguire partita a campo ridotto e sedute tattiche per reparti. Ghoulam ha lavorato parte personalizzato e parte in gruppo.

Prima assoluta per Rino Gattuso, che dopo l’avvicendamento con l’esonerato Ancelotti attende il Parma per l’esordio al San Paolo. Idee piuttosto chiare per il nuovo tecnico sul modulo: si tornerà al 4-3-3 che aveva caratterizzato il triennio partenopeo di Sarri. Tra i pali ci sarà Meret, con Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly ed Hysaj (favorito al momento su un Mario Rui non ancora al top). In mezzo il vertice basso lo farà Allan, con Zielinski e Fabiàn ad agire ai lati del brasiliano. In attacco si riparte dalla certezza Milik centravanti, con Callejon a destra (favorito su Mertens) ed Insigne a sinistra.

Qui Parma

D’Aversa ha perso anche Kucka nel successo di Genova e in mezzo ha di nuovo gli uomini contati, considerando anche l’assenza di Scozzarella, che anche ieri si è allenato a parte. Brugman favorito su Grassi in cabina di regia, mentre come mezzali toccherà a Barillà ed Hernani. Davanti Cornelius ha acquisito condizione e sarà il punto di riferimento dell’attacco, con Gervinho e Kulusevski sulle ali, mentre il quartetto difensivo sarà il medesimo visto a Genova: Alves e Iacoponi centrali, Darmian e Gagliolo laterali.

I convocati di Gattuso

I convocati: Allan, Callejon, Di Lorenzo, Elmas, Fabian, Gaetano, Hysaj, Insigne, Karnezis, Koulibaly, Llorente, Lozano, Luperto, Manolas, Mario Rui, Meret, Mertens, Milik, Ospina, Younes, Zielinski, Leandrinho.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *