CdS – Giordano: “Il sarrismo non si può ripetere”

Antonio Giordano

Giordano: “La mia preoccupazione risiede nell’ambiente. Il sarrismo non si può ripetere”

Antonio Giordano, giornalista del Corriere dello Sport, ha parlato ai microfoni della trasmissione “Ne Parliamo il Luned씓Le partite vanno analizzate per intero e il Napoli non riesce a fare la partita completa. Il Napoli avrà  due centrocampisti in più, Demme e Lobotka. La mia preoccupazione risiede nell’ambiente, la città è paga di se stessa, il sarrismo non si può ripetere, apparteneva a Sarri e c’erano altri interpreti. L’assenza di posto nella lista per Lobotka non è un problema dato che il Napoli sta vendendo Younes o comunque si potrebbe tagliare Malcuit visto che è infortunato. Il nome da togliere può essere scelto fino all’ultimo minuto”.

Il Sarrismo è stata la corrente “pallonara” che ha deliziato non solo i napoletani, ma tutto il mondo del calcio e gli appassionati di questo sport nel corso del triennio di Maurizio Sarri, tecnico di Figline, alla guida del club partenopeo. Due scudetti sfiorati, record su record messi a segno ed anche un mare di polemiche.  Il tecnico, ora alla Juventus, cercava sempre di polemizzare… un modo per attirare su di sé le attenzioni e coprire la squadra da eventuali attacchi mediatici. La sua era una istintiva strategia di protezione, per chi non l’avesse capito.

Con l’arrivo di Carlo Ancelotti prima e Gennaro Gattuso poi, il Napoli ha cambiato il suo modo di giocare, ma sono cambiate anche le abitutidini in quel di Castel Volturno. Il tecnico ex Real Madrid ha un modo di approcciarsi totalmente diverso a quello di Sarri e lo dimostra anche durante le interviste. Il Sarrismo, quindi, a Napoli non c’è più.

🖨

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi collaborare con CANAPOLI.NET ? CLICCA QUI