ESCLUSIVA CasaNapoli.net- Giovanni Bruno: “Per l’Inter gli innesti inglesi sono stati importantissimi. I nerazzurri si sono affidati ad un tecnico con gli attributi. Gattuso un pò come Conte. A Napoli pubblico straordinario”

Esclusiva CasaNapoli Bruno

In ESCLUSIVA a CasaNapoli.net è intervenuto Giovanni Bruno, giornalista Sky, ha spiegato il suo punto di vista sul Napoli e sul tecnico calabrese Gattuso

In ESCLUSIVA a CasaNapoli.net è intervenuto Giovanni Bruno, giornalista Sky, ha spiegato il suo punto di vista sul Napoli e sul tecnico calabrese Gattuso.

Di seguito l’intervento di Bruno:

C’è stato un cambiamento generale in questo campionato. L’Inter ha stravolto tutto:

“Milan ed Inter sono stati dei disastri. Il cambiamento è stato importante. L’Inter si è affidata ad un tecnico che ha fatto tirare fuori gli attributi, avendone anche lui e ha fatto un cambiamento radicale. Una carica mostruosa! L’appannamento di Gennaio, forse, può essere stato che Conte pretende forse troppo. Gli innesti dall’Inghilterra, di gente che gioca sempre tantissimo sono stati importantissimi. Come Ashley Young che subito si è inserito, per non parlare di Eriksen che ha delle grandissime qualità che tutti conoscono, è un uomo d’ordine. Ad avercelo uno così. Quello è il cambiamento che ha preteso uno come Antonio Conte. E’ un “incazzoso” da panchina, è uno che non ti fa mollare neanche un centimetro. E’ un vampiro che si mette col fiato sul collo e non ti lascia. Un pò come fa anche Gattuso”.

Gattuso deve crescere ma, in proiezione, può essere come Antonio Conte?
Assolutamente. Ma con tantissime differenze. E’ uno che ha subito tanto, appena arrivato ha preso una squadra che doveva lottare sin dall’inizio con la Juventus, perché era partito con un grandissimo allenatore. Anzi con un grandissimo signore, che era anche allenatore. Lì non ha girato nulla. E’ stato come mettere tutto in un vaso: il figlio del Presidente, i rinnovi del contratto, è stato un pò di tutto.”

Non si può iniziare una stagione con ben sette giocatori in scadenza di contratto, nonostante sia scelta strategica societaria:

“C’è una questione: si parla dei giocatori simbolo come Mertens e Callejon. Le cause risarcitorie, poi, sono state la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Lo “Scisma” che si è creato nello spogliatoio è stato inevitabile. Quando ad Ancelotti hanno chiesto se fosse d’accordo col ritiro, la risposta è stata secca. Un “no” che non lasciava spazio ad altre interpretazioni. Ha detto: “Io vado in ritiro, ma non sono d’accordo!”.

Quando il presidente De Laurentiis ha parlato di Koulibaly, ha clamorosamente sbagliato dicendo di doverlo vendere, visto che il giocatore si poteva proiettare anche alla prossima stagione in un top club:

Io sono abbastanza romantico: i giocatori sono tutti attaccati alla città ed alla tifoseria. Basti pensare a Mertens, a Koulibaly, lo stesso Allan. E’ stato un pò come rivedere l’Inter del post Mourinho, del post triplete.”

Come vedi la situazione del Napoli?

Mertens è sceso in campo, nonostante un infortunio. Aveva proprio voglia di scendere in campo e dimostrare di poter essere ancora utile. L’immagine di Mertens che vuole scendere in campo e scalpita è l’immagine del cambiamento del Napoli. C’è anche un’altra questione molto importante: quello che ho visto nel pubblico napoletano è che ha una grande maturità. Qualsiasi altro pubblico, che aveva una squadra partita con determinate aspettative, subire sconfitte una dopo l’altra e dichiarazioni pesanti non avrebbe reagito come hanno reagito a Napoli. Non c’è stata nessuna protesta clamorosa, solo una protesta civile. Una soluzione logica e civile. Nonostante la tifoseria napoletana venga spesso offesa e debba subire cori beceri come è accaduto, non ultimo, anche ieri a Marassi. La maturità e la crescita del pubblico di Napoli è notevolissima. Nonostante tutti gli accadimenti il pubblico si è comportato in maniera straordinariamente matura.”

🖨

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *