fbpx

Fair Play Finanziario – Batosta per il City, fuori dalla Champions per due anni

champions

Fair Play Finanziario e Champions League, altra vittima illustre. Escluso per due anni il Manchester City dalla massima competizione europea per club: violazione gravi

L’autorità ha escluso il Manchester City, allenato da Pep Guardiola, per due stagioni dalla Champions League. La Uefa ha sanzionato il club inglese per ”gravi violazioni” relative in particolare al Financial Fair Play. Inoltre, ci sarà anche il pagamento di una multa di 30 milioni di euro.

In una nota sul proprio sito, il Manchester City si è detto “deluso ma non sorpreso” dalla decisione.

“Il Club ha sempre anticipato il bisogno ultimo di cercare un organo indipendente e un processo per considerare in modo imparziale l’intero corpus di prove inconfutabili a sostegno della sua posizione. Nel dicembre 2018, il capo investigatore della UEFA ha presentato in anteprima pubblicamente l’esito e la sanzione che intendeva essere consegnato a Manchester City, prima ancora che fosse iniziata qualsiasi indagine. Il successivo processo UEFA imperfetto e costantemente trapelato che ha supervisionato ha significato che c’erano pochi dubbi sul risultato che avrebbe prodotto. Il Club ha formalmente presentato reclamo all’organismo disciplinare UEFA, un reclamo che è stato convalidato da una sentenza CAS.  

In poche parole, questo è un caso avviato dalla UEFA, perseguito dalla UEFA e giudicato dalla UEFA. Con questo processo pregiudizievole ormai terminato, il Club perseguirà n giudizio imparziale il  più rapidamente possibile e quindi, in primo luogo, avvierà il procedimento con il Tribunale Arbitrale per lo Sport il prima possibile”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 5 =