fbpx

Coronavirus, Borrelli ha la febbre:”Vado in isolamento”, niente conferenza

Coronavirus, il capo del Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli ha accusato in mattinata dei sintomi febbrili

Sospesa la consueta conferenza stampa delle ore 18 presieduta da Angelo Borrelli.

Si andrà avanti sino  a data da destinarsi  con i comunicati stampa

Il bollettino era atteso per capire se il trend dell’epidemia di Coronavirus in Italia è in calo.

Negli ultimi tre giorni è diminuito il numero dei positivi.

Mentre ieri è tornato a salire quello delle vittime.

Si attendevano quindi indicazioni dalla conferenza stampa del capo del Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli.

Coronavirus, Borrelli ha la febbre sospesa conferenza stampa delle 18

Nella mattinata di oggi il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha accusato sintomi febbrili.

A scopo precauzionale, ha lasciato immediatamente la sede del Dipartimento.

A causa di questa lieve indisposizione, comunica la Protezione Civile, a partire da oggi, e fino a data da destinarsi, la quotidiana conferenza stampa sull’emergenza Coronavirus delle ore 18 è sospesa.

Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà tuttavia  a garantire la massima operatività.

Anche per il tramite dell’Ufficio Stampa e a diffondere le informazioni disponibili sull’emergenza in atto.

L’aggiornamento dei dati di dettaglio sul monitoraggio sanitario in Italia, verrà fornito dunque  attraverso un comunicato stampa che sarà diffuso sempre  alle ore 18.

Borrelli è stato sottoposto a un tampone.

L’esigenza è quella di verificare se i sintomi febbrili accusati in mattinata nel corso del comitato operativo siano riconducibili a un’eventuale infezione da Covid-19.

Ora si attende l’esito dell’esame.

Al capo della Protezione Civile era stato già effettuato un tampone proprio alcuni giorni fa  dopo la scoperta di 12 positività tra i suoi collaboratori.

Ma era risultato negativo.

Solo 24 ore prima era stata resa nota la positività del predecessore di Angelo Borrelli, Guido Bertolaso.

Guido Bertolaso, risultato positivo al coronavirus, è stato ricoverato al San Raffaele di Milano, secondo quanto si apprende da fonti.

L’ex capo della protezione civile, scelto come consulente della Regione Lombardia per portare avanti il progetto dell’ospedale negli spazi della Fiera di Milano, sarebbe entrato in ospedale dal primo pomeriggio di ieri.

E’ stato lui stesso, intorno alle 14, ad andare in ospedale per fare tutti gli accertamenti dopo essere risultato positivo al coronavirus.

Proprio un paio di giorni fa   Bertolaso aveva dichiarato in merito:

“Le maestranze sono già all’opera, si lavora giorno e notte, ventre a terra, le attrezzature le stiamo reperendo in giro per il mondo”

Ora è invece purtroppo costretto a restarsene in isolamento.

Lo stesso governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, che già in passato si era messo in isolamento per la positività di una sua collaboratrice, ha detto che stavolta non intende affrontare la quarantena “perché con Bertolaso avevo passato appena un paio di minuti”

Intanto sono già stati diffusi i datti di oggi In Lombardia

Mercoledì si contano 296 morti in più.

che portano il totale a 4.474, oltre il 7% in più rispetto a martedì, quando però il numero di decessi era stato di 402 in una giornata.

Il numero di casi totali è salito a 32.346.

1643 in più rispetto alla giornata di martedì 24 marzo (pari a un incremento del 5,35%).

A riportare i dati aggiornati è la Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + dieci =