fbpx

Repubblica – Pierpaolo Marino “Per me questa stagione ormai non vale più, è un anno di lutto e basta”

Pierpaolo Marino Lozano repubblica

L’edizione odierna di Repubblica riporta un’intervista a Pierpaolo Marino, ex dirigente del Napoli, oggi capo dell’area tecnica dell’Udinese

Il punto di vista di Pierpaolo Marino in un’intervista a Repubblica. L’ex dirigente del Napoli è estremamente chiaro: dobbiamo pensare ai lutti che hanno colpito il mondo intero. Poi penseremo a ripartire anche col calcio.

“Coronavirus? Ho sempre fatto riferimento a quello che accadeva in Cina, già a fine febbraio mi ero reso conto di ciò che sarebbe successo: a quell’epoca, i cinesi stavano uscendo dal contagio eppure nessuna squadra era in ritiro e non c’era nessuna data per l’inizio del campionato. Quando da noi si discuteva se giocare a porte aperte o chiuse, io dicevo che stavamo per entrare in un film apocalittico, e nessuno se ne rendeva conto. La Cina è due mesi e mezzo avanti a noi come esperienza di coronavirus, ma non mi risulta che abbia ancora deciso come e quando tornare a giocare”.

 

 

“L’UEFA spinge per tornare a giocare? La UEFA è anche quella che fino a poche settimane fa non voleva rinviare l’Europeo o la Champions. E che ha fatto giocare Atalanta-Valencia, con gli effetti che sappiamo. Chi pensa di programmare il futuro fa un esercizio in cui io non mi voglio cimentare. Chi si assumerà la responsabilità se nelle squadre troveremo un positivo? Noi dell’Udinese abbiamo fatto 14 giorni di quarantena dopo aver giocato contro la Fiorentina una partita che il governatore del Friuli non voleva che si giocasse, e aveva ragione lui: dovremmo accendere candele votive a chi ha evitato che anche noi ci contagiassimo. Per me questa stagione ormai non vale più, è un anno di lutto e basta. Nessuno si ricorderà di chi ha vinto o perso questo che resterà nella memoria come il campionato del coronavirus. Non riesco a pensare al calcio che riprende dentro stadi spettrali. Oggi non dobbiamo pensare a ricominciare il prima possibile, ma a ricominciare. Che è ben diverso”.

L’attesa snerva i Presidenti che vorrebbero tornare a giocare al più presto. Ma occorre attendere il via libera della comunità scientifica e quindi del Governo. Tutte le misure precauzionali prese fino ad oggi serviranno sicuramente ad una più veloce ripartenza. Soprattutto sicura per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + sedici =