fbpx

Politano: «Speriamo di giocare quanto prima. Champions discorso aperto»

Matteo Politano intervista DAZN

L’attaccante del Napoli Matteo Politano ha parlato a Radio Kiss Kiss Napoli

Politano, ha rilasciato oggi una lunga intervista ai microfoni di Radio KissKiss soffermandosi sulla ripresa del campionato e sui suoi rapporti con Gattuso

Ecco le sue dichiarazioni

«Abbiamo ripreso gli allenamenti da una decina di giorni, ci stiamo preparando per la ripresa e aspettiamo l’annuncio ufficiale. Senza campo non è stato facile, soprattutto all’inizio. Però tutti i giorni ci siamo allenati. Lo staff del mister ci mandava gli allenamenti da fare, perciò non siamo rimasti fermi».

«Sensazioni di squadra?
Positive, abbiamo un grande gruppo e ci sarà da giocare ogni tre giorni: dovremo fare un grande sforzo, il clima non aiuterà e sarà una grande sfida. Per chiudere la Serie A restano ancora 12 partite, cercheremo di fare quante più vittorie possibile per arrivare in Champions o in Europa League».

Politano sulla Coppa Italia:

«Non sarà facile affrontare l’Inter nonostante la vittoria dell’andata, ma senza dubbio questo trofeo è un obiettivo principale».

Il ritorno Champions.

«Ho giocato per due anni di fila al Camp Nou, fa un certo effetto: giocarci a porte chiuse non sarà semplice, ci dovremo abituare perchè non lo siamo davanti agli spalti vuoti».

Su Gattuso:

«Col mister c’è un bel rapporto, appena arrivato mi ha fatto sentire importante come i compagni. Riceve il massimo da tutti, è molto intelligente ed io cerco di mettermi a disposizione. Non è stato semplice il mio arrivo, avevo perso un po’ di fiducia nei mesi precedenti».

«Dove posso migliorare?
In zona gol, non ne faccio tantissimi e dovrei farne molte di più: ho la qualità per farli, devo migliorare negli ultimi venti metri e in fase difensiva. Spero di fare il primo in azzurro prima del ritorno degli ottavi di Champions… senno’ dovrei aspettare agosto (ride, ndr)».

Sul modulo.

«Il 4-3-3 è il mio modulo, però al Sassuolo con Iachini giocavo nel 3-5-2: magari con Conte i compiti erano diversi, e per me non era l’ideale».

Sui nuovi acquisti del Napoli:

«Demme, Politano, Lobotka, Petagna e Rrahmani già acquistati a gennaio un segnale di progetto? Nei prossimi quattro anni ci auguriamo di fare meglio del Napoli di Sarri, sta venendo su una squadra forte ma spetta a noi dimostrare la bontà degli investimenti della società».


Sulla città di Napoli:

«Offre tanto, la gente è molto calorosa: per i primi tempi mi sono trovato bene. Qui c’è un entusiasmo diverso dalle altre piazze, i tifosi sono molto attaccati alla squadra e alla città».

«Sono venuto a Napoli per il progetto e per il mister, è un grandissimo trampolino di lancio: spero di consacrarmi qui. Prima del mio arrivo c’è stata qualche chiamata col mister»

Sulla Nazionale:

«Spero di tornarci il prima possibile, sto cercando di guadagnarmi un posto ma devo fare bene con il Napoli: mister Mancini guarda le partite dei club, e io devo fare bene nel club prima di arrivare in Nazionale. La Nazionale per me è una squadra forte, c’è un bel mix tra giovani e di ragazzi che già hanno esperienza»


Il parere di Matteo Politano su Lorenzo Insigne:

«Insigne? Ho legato molto, abbiamo un bellissimo rapporto già da prima che arrivassi al Napoli: avevamo già legato ai tempi della nazionale, ritrovarlo in squadra è stato bello».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − sei =