fbpx

CDS – Napoli, dal fallimento all’investimento da 80 milioni. Quella partenopea sembra una favola

Radio Marte Antonio Giordano Callejon

Napoli, dal fallimento all’investimento da 80 milioni. Quella partenopea sembra una favola

Napoli, dal fallimento all’investimento da 80 milioni. Quella partenopea sembra una favola

Chi ricorda il fallimento del 2004 non può fare altro che stropicciarsi gli occhi e chiedersi se sia tutto vero.

Il Napoli che partecipa costantemente alle competizioni europee. Uno scudetto sfiorato o forse toccato, senza però riuscire ad afferrarlo. Le partite di grande appeal a livello internazionale. Qualche trofeo aggiunto a una bacheca non ricchissima.

Qualche anno prima del 2004 erano state scritte pagine della storia partenopea che, se possibile, sono anche più dolorose.

Il record negativo di punti in massima serie con retrocessione in B, l’impossibilità di competere con le grandi, sensazione di impotenza sia sul campo che sul mercato.

Dalle ceneri è ripartito tutto.

Parliamo di un club, quello azzurro, che oggi può regalare ai tifosi un investimento di notevole portata (mediatica ed economica) come quello appena effettuato per Victor Osimhen.

Ecco quanto viene riportato nell’editoriale del giornalista Antonio Giordano per il Corriere dello Sport: “Dalle rovine dell’agosto 2004 all’annuncio di Osimhen, il più costoso degli affari del Napoli, capace di attivare un bonifico di 80mln.

Sembra persino una storia surreale, raccontata romanzandola, mentre invece è autentica e audace, è una ricerca continua del progresso.

Osimhen sa di ulteriore avanzamento in questa galassia del calcio.

Quest’affare così enorme, gigantesco, apparentemente spropositato, rappresenta non solo e semplicemente un’iniezione di coraggio, ma il sospetto che le favole esistono, oppure si possono costruire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × quattro =