fbpx

Il Campionato del Napoli dalla A alla Z – Tre punti contro la Lazio per salutare il San Paolo tra il ringhio di Gattuso e la standing ovation per Callejon

campionato del Napoli dalla A alla Z

Il Campionato del Napoli dalla A alla Z regala nell’ultima gara stagionale una vittoria al cospetto della Lazio, con il tris siglato con merito dagli azzurri al San Paolo

Le reti di Fabian Ruiz, Insigne su rigore e Politano archiviano la pratica biancoceleste con Immobile che eguaglia il record di Higuain con 36 reti stagionali. Ma non solo una buona prestazione dei partenopei bensì anche il passo d’addio di Callejon, il ringhio di Gattuso contro la panchina laziale e tanto mercato. Tutto questo nel Campionato del Napoli dalla A alla Z!

A come Arrivederci

Mancavano solo pochi secondi prima che l’arbitro Calvarese avvicinasse il fischietto alla bocca, dopo il recupero, per sancire il termine di Napoli-Lazio. Un triplice fischio che risuona forte e sicuro nelle orecchie dei tanti tifosi dal cuore azzurro, ancor più nel giorno del compleanno del club partenopeo ma che soprattutto lascia uno strascico di tristezza perchè per un po’, non vedremo più la serie A. Arrivederci campionato, a te che non ti sei arreso neanche davanti ad una pandemia e che sei tornato a riempire le nostre assurde giornate. Ci mancherai ma ci ritroveremo presto, più forti ed amanti di prima.

B come Bambini

E’ stata una settimana dedicata ai bambini e non potevamo non parlarne in questo appuntamento romantico del Campionato del Napoli dalla A alla Z. A far vibrare le corde del cuore dei supporter all’ombra del Vesuvio è stato un video nel quale il neo acquisto Victor Osimhen sosteneva un discorso motivazionale da brividi a dei piccoli calciatori su un campetto di fortuna a Lagos, in Nigeria (GUARDA LE IMMAGINI). Un momento davvero bellissimo e toccante, che ci ricongiunge con il calcio ed i suoi valori. Chapeau! 

C come Cappello

Parliamo in questo appuntamento del Campionato del Napoli dalla A alla Z ancora di bambini e di calciatori fantastici e dove trovarli. Giornata di relax per Dries Mertens con la sua bella Kat ed ecco che si avvicina a lui un bambino che, con estrema dolcezza ed educazione, gli chiede una foto. La risposta del belga ormai napoletano doc, è stata da applausi: “Con quel cappello lì, puoi chiedermi qualsiasi cosa, certo!” (GUARDA IL VIDEO). Sorriso smagliante ed un sogno di un bambino dal cuore azzurro realizzato. Immenso Ciro Mertens!

D come Determinato

E’ ottimista, carico e determinato Gennaro Gattuso nel post gara di Napoli-Lazio che analizza non solo positivamente la prestazione dei suoi ma è pronto già a voltare pagina per provare a scrivere la storia in Champions con un risultato strabiliante contro il Barcellona. “La squadra mi è piaciuta e sono contento della prestazione, adesso la testa è per il Barcellona, ho già in mente una idea di formazione. Sicuramente vogliamo scrivere una pagina importante. Giocheremo in un proscenio di grande livello e vogliamo essere all’altezza” (LEGGI LE PAROLE). Avanti, Napoli!

E come Eroi

L’eroe è una persona che per eccezionali virtù di coraggio o abnegazione s’impone all’ammirazione di tutti, che va controcorrente per far valere i propri diritti o quelli di un’intero popolo sfidando antagonisti ardui, imperiosi, arcigni. A volte agiscono in coppia, fianco a fianco, con la stessa fiammella negli occhi: una che proviene da Corigliano Calabro e l’altra da Sines, in Portogallo. Stesso baffetto da sparviero, stessa foga a difesa di Napoli e dei napoletani: ben lo sanno Gattuso e Mario Rui che in due riprese si avvicinano alla panchina della Lazio rispondendo a delle orribili offese ricevute (I DETTAGLI). Scuse pervenute solo nella giornata di ieri (I DETTAGLI) ma a poco servono: di eroi invece, di quelli Napoli ne ha sicuramente più bisogno e se li tiene davvero stretti.

F come Fiducia

Da capopopolo quale da sempre è, non poteva mancare la grande carica di Dries Mertens in vista dell’ormai imminente big match di ritorno in Champions League contro il Barcellona, oltre alle consuete e bellissime parole per Napoli ed i napoletani: “Dobbiamo essere fiduciosi e pronti per la sfida di Champions, perché può succedere di tutto. Il mister ci sta dando molta carica e siamo convinti di poterci esprimere bene. C’è anche tanta voglia di giocare, Credo che queste sono sfide per le quali vorresti andare in campo sempre e che si sognano da quando inizi a fare il calciatore” (LEGGI LE PAROLE). Daje tutta, Ciro!

G come Guerra

Non solo mercato, indiscrezioni e dichiarazioni ma in questo nuovo appuntamento c’è anche un po’ di pepe. Eh sì, perchè quando si parla del presidente De Laurentiis le provocazioni non mancano mai. A margine della presentazione del libro “Interrompo dal San Paolo” scritto da 20 giornaliste dal cuore azzurro, è tornato sull’appeal del campionato, con la proposta playoff scudetto per dar fine all’egemonia Juventus un po’ forzata ormai da 9 stagioni (LEGGI LE PAROLE). Apriti cielo! Si è scatenato il putiferio, con qualche contro e tantissimi invece pro. Noi ovviamente, ci schieriamo tra questi ultimi, certi del brivido che solo i playoff potrebbero regalare, nel bene e nel male.

H come Hi tech

Cari amici del Campionato del Napoli dalla A alla Z, visto che sono stati gli ultimi della nostra serie A, concediamoci un plauso alle tre reti azzurre siglate sabato sera contro la Lazio. Iniziamo proprio da Fabian Ruiz formato codino sbarazzino che al 9′ rompe il silenzio di Fuorigrotta con un mancino piazzato che strappa gli applausi dei presenti. Vola Strakosha ma non può arrivarci. Per fortuna. Al 54′ ci pensa Lorenzo Insigne a conquistare il nuovo vantaggio, prendendosi l’onere e l’onore di un pesante calcio di rigore. Poi, al fotofinish la perla del solito Polimessi come ormai amiamo chiamarlo,  con una bellissima azione corale in condominio con Mertens e Di Lorenzo. E se questi sono i presupposti per Barcellona, ci divertiremo, ne siamo sicuri.

I come Iconica

Introduciamo l’elemento cult della settimana, finalmente l’ufficialità di Victor Osimhen al Napoli! Ne avremo modo di parlare ampiamente nelle prossime lettera ma adesso mi volevo soffermare su una questione che è sembrata stranamente prioritaria e di vitale importanza: la scelta del numero di maglia. Senza troppi tentennamenti ha prediletto ovviamente la 9, da vero bomber macchina da gol (I DETTAGLI). Parole importanti a riguardo dell’ex Lille: “Non vedo l’ora di indossare questa maglia iconica, grazie a tutti per il caloroso benvenuto!” (GUARDA IL POST)

L come Lungodegente

Amici del Campionato del Napoli dalla A alla Z, abbiamo temuto il peggio. Eh sì, perchè quando Lorenzo Insigne è uscito dal campo acciaccato, abbiamo davvero pensato che la sfiga esiste, ci vede benissimo ed abbia un conto in sospeso all’ombra del Vesuvio. Prima il possibile stiramento all’adduttore e stop lungo, poi gli esami di ieri hanno fatto tirare un sospiro di sollievo ad una città intera: probabile infiammazione della sinfisi pubica ed idea recupero in extremis per la Champions (IL BOLLETTINO MEDICO). Forza capitano, il Napoli ha bisogno anche di te!

M come M2

Cari amici del Campionato del Napoli dalla A alla Z, un po’ siamo preoccupati. Eh sì, perchè questa emergenza in difesa proprio contro il Barcellona non ci voleva proprio. Allertate i vostri amici del calcetto del mercoledì, attenzionate aspiranti difensori centrali del vostro quartiere, che c’è bisogno di rinforzi. L’asse M2 infatti, sembra scricchiolare: Maksimovic è ancora acciaccato in attesa di un miracolino di San Gennaro mentre per fortuna Manolas è stato convocato per la gara contro la Lazio e già nei giorni scorsi rientrato in gruppo per gli allenamenti (LE ULTIME). Acqua di Lourdes a portata e sfoderate come sempre i curnicielli, mi raccomando.

N come Novantaquattro

La settimana scorsa è toccato a me spegnere le candeline, sette giorni precisi dopo invece, al Napoli: tanti auguri, seppur un po’ in ritardo a colui che riempie la nostra vita d’azzurro, che mette a dura prova fegato e coronarie, che ci strappa sorrisi, lacrime regalandoci la vera felicità. Che ci fa litigare con fidanzate, mogli, amici ed amiche che passano sempre in secondo piano quando c’è la partita…e guai a disturbare. Che ci fa andare in giro per il mondo a testa alta e gridare ovunque “Sì, tifo Napoli e me ne vanto”, a colui che non abbiamo mai abbandonato al di là dei risultati, delle categorie, dei gol subiti e delle prestazioni. E soprattutto, che mai ci abbandonerà, perchè è lì ben fisso nella testa, negli occhi, per alcuni anche sulla pelle e sempre nel cuore. Auguri SSC NAPOLI!

O come Ops

Guai a far arrabbiare il presidentissimo De Laurentiis. Il massimo dirigente azzurro non avrebbe proprio gradito l’insistenza di Milik per la cessione alla Juventus, cercando inoltre di temporeggiare sul rinnovo di contratto che non vuole proprio prendere in considerazione. “Se tu a un certo punto vuoi fare il furbo o hai dei cattivi consiglieri nei tuoi agenti, noi ci comportiamo di conseguenza. Milik ormai è da sempre sul mercato” (LEGGI LE PAROLE) tuona il patron, che sicuramente non le manda a dire al suo attaccante. Sipario. 

P come Pupilli

Impazza il mercato com’è giusto che sia nel finale di stagione azzurro, per programmare già la prossima che inizierà in ritiro soltanto tra un mese. Un tran tran particolare in un anno molto diverso dagli altri, che sancirà delle nuove dinamiche anche su acquisti e cessioni. Le priorità restano le stesse, in particolar modo un sostituto di Callejon, jolly su tutto il fronte d’attacco. In cima alla lista due nomi: Under della Roma, con l’offerta di 31 milioni ai giallorossi (LE ULTIME) ed il pupillo di Giuntoli Boga del Sassuolo, valutato più di 50 milioni dall’ad Carnevali (LE PAROLE).  Chi la spunterà? Ah saperlo… 

Q come Questo immenso

Scomodiamo un pezzo di cuore legato per sempre a Pino Daniele per parlare emozionati di Gennaro Gattuso. “In questo immenso che dura tutta una vita o un minuto così” perchè questo campionato è stato davvero lungo, ricco di capovolgimenti di fronte, insidie, cambiamenti. Ma la fortuna più grande è stata proprio l’arrivo di Ringhio sulla panchina, grande intuizione di De Laurentiis in un momento di profonda perdizione tattica, psicologica e di risultati. Un leader grintoso, urlante, sorridente, amico fuori dal campo ma anche capo branco determinato, pignolo ed inflessibile, Lozano ne sa qualcosa. Che ha sempre difeso Napoli ed i napoletani e non manca mai modo per sottolinearlo (LEGGI LE PAROLE). Che sia una lunga storia d’amore, in attesa del rinnovo fino al 2023!

R come Record

Un po’ ci dispiace che Ciro Immobile, napoletano doc e dal cuore d’oro, abbia soltanto eguagliato il record di reti stagionali in serie A che detiene Gonzalo Higuain ai tempi della maglia azzurra. Lo avrebbe meritato, per una squadra che ha giocato per lui e che per larghi tratti ha dato la forte sensazione di poterlo davvero vincere quello scudetto, rompendo l’egemonia Juve. Ma un po’ anche ci fa piacere perchè, nonostante tutto, quel record all’ombra del Vesuvio è figlio di un anno straordinario, di una squadra epica che rimarrà sempre impressa nella memoria dei tifosi e degli addetti ai lavori (I DETTAGLI). Uno a uno, palla al centro, nessun deluso. 

S come Seconda chance

Direttamente dall’ultima edizione di Survivor made in Naples, c’è qualcuno che si è lanciato sull’isoletta deserta del San Paolo con un enorme salvagente, frettoloso di raggiungere con merito le rive all’ombra del Vesuvio. Si tratta contro ogni pronostico di Hirving Lozano, che Gattuso vorrebbe ufficiosamente togliere dal mercato, nonostante il pressing del Parma (LE ULTIMISSIME). Una seconda ghiotta chance per il super investimento partenopeo, com’è giusto che sia, sperando ci sia modo di dimostrare in campo con fiducia e continuità davvero il suo valore. Predestinato. 

T come Tweet

Habemus Victor! In tantissimi lo abbiamo aspettato, al centro di tutte le nostre dirette su CasaNapoli.net c’era solo una domanda: quando arriverà il tweet del presidentissimo ADL? Eh beh, in un caldissimo venerdì di luglio, il cinguettio del famoso social ha squarciato il silenzio di una città in trepidante attesa (LEGGI IL POST). Subito è stato un tran tran di screen, inoltri, meme, canzoni, foto, dichiarazioni e post diventati virali: in pochi secondi, Victor avrà sicuramente ben capito in che “guaio” si è cacciato, per la gioia del mio amico Simone, da sempre estimatore del nuovo bomber azzurro. Soddisfatti o rimborsati. 

U come Ultima

Preparate i fazzoletti, amici del Campionato del Napoli dalla A alla Z. Il momento più toccante di Napoli-Lazio non è stato solo Don Ringhio furioso contro la panchina della Lazio ma in primis la standing ovation della tribuna stampa dedicata all’uscita di Josè Maria Callejon, al suo passo d’addio in azzurro (I DETTAGLI). Impossibile riassumere in poche righe tutto ciò che Calleti ha donato al Napoli in queste sette anni: gol, abnegazione, spirito di sacrificio, tagli, assist, inserimenti, magie ed immenso amore per la maglia partenopea, che ha profondamente confermato anche in questi ultimi assurdi mesi. Ci mancherai Josè, immensamente ma è stato un immenso privilegio averti vissuto ed aver condiviso tante emozioni con te. Ti auguriamo il meglio e che sia solo un arrivederci!

V come Viaggio

De Laurentiis furioso parte II. Questa volta non c’entra il futuro di Arek Milik bensì la gara di ritorno in Champions sabato sera contro il Barcellona (I DETTAGLI). Si sa, la Spagna non sta vivendo un momento semplice causa covid-19 eppure il calcio non si può fermare, spostare, cambiare. Il presidentissimo teme per l’incolumità dei suoi, incrociando le dita per proseguire l’avventura europea anticipando, perchè no, i tempi a Lisbona per la final 8. Sembra però che nulla cambierà, intanto non ci tocca che sperare bene e goderci lo spettacolo. Con tanto di camomille, eh.

Z come Zero

Siamo arrivati alla fine di questo appuntamento del Campionato del Napoli dalla A alla Z ed è impossibile non buttare un occhio al futuro, che prende il nome di Barcellona (LE ULTIME). Una gara importantissima per il futuro degli azzurri, per scrivere la storia, per regalarsi un altro step di maturazione e felicità, degno epilogo di un percorso Gattusiano davvero positivo. Ciò che succederà non è ovviamente dato sapere: che sia un bellissimo spettacolo, con zero paura di non farcela, zero sbavature, zero  timori reverenziali. Che il Napoli sia semplicemente il Napoli dalla maglia sudata ed amata che tutti ammiriamo, al di là del risultato. Forza!

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + 8 =