fbpx

Radio KissKiss- Rogerio Micale, ex CT Under 20 Brasile: “Gabriel è molto forte, è cresciuto giocando a 4 in difesa. Innamorato del Napoli di Careca e Alemao”

Rogerio Micale, ex Ct del Brasile Under 20, è intervenuto ai microfoni di Radio KissKiss Napoli per parlare dell’obiettivo azzurro Gabriel del Lille

Rogerio Micale, ex Ct del Brasile Under 20, è intervenuto ai microfoni di Radio KissKiss Napoli per parlare dell’obiettivo azzurro Gabriel del Lille

Queste le sue parole:

Gabriel è un calciatore che ha riscosso da subito la mia attenzione. E’ molto forte, in particolare, sul gioco aereo, di testa le prende tutte lui sia dai corner che dai calci piazzati. ha buona velocità e buona tecnica. Quando lo convocai con la Nazionale, era molto giovane ed aveva margini di miglioramento. Ma è uno che lavora molto, giocando in Europa è migliorato e continuerà a farlo.

Se è pronto per giocare in un campionato tattico come quello italiano? All’inizio avrà bisogno di adattarsi perchè il calcio francese è chiaramente diverso dal vostro sotto questo punto di vista. Ma viste le sue qualità, troverà il suo spazio dopo un primo periodo di adattamento. Si valere anche in una squadra già forte come il Napoli. Gabriel, con la sua formazione calcistica brasiliana, sa giocare molto bene con la difesa a quattro. E’ abituato così. Ma avendo grandi capacità di apprendimento sul campo, se Gattuso dovesse decidere di cambiare e giocare a tre può tranquillamente farlo. E’ cresciuto, comunque, giocando con una linea di quattro difensori.

Napoli fa parte della storia del calcio con la squadra di Maradona, Careca, Alemao. Quella squadra fece innamorare anche molti brasiliani, tanto che qui ancora molti fanno il tifo proprio per la formazione napoletana ricordando quei tempi straordinari. Sicuramente l’adattamento per un brasiliano, nella fattispecie per Gabriel, a Napoli può essere più facile. Ma dopo poco ci si accorge del peso della maglia azzurra, che è notevole. Napoli è uno dei posti migliori dove possa finire a giocare e a vivere un brasiliano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 17 =