fbpx

Le pillole del campionato del Napoli – Ancora bagarre con la Juve tra le parole d’amore di Osimhen, la bolla di Castel Volturno e la garra di Bakayoko

Le pillole del campionato del Napoli scandiscono una settimana che vede lo stop della serie A per gli impegni della Nazionale proseguendo con la bagarre contro la Juventus e la tensione per l’allarme covid

In attesa della decisione del giudice sportivo prevista per mercoledì in merito al caso Juventus-Napoli, i tifosi si godono Bakayoko neo acquisto azzurro che rinforza la mediana. Ma non solo: le parole d’amore ed i ricordi di Victor Osimhen, gli ultimi verdetti del mercato che ha finalmente chiuso i battenti e tutte le curiosità della settimana azzurra in questo nuovo appuntamento delle pillole del campionato del Napoli!

Da Lagos con amore

In una settimana ricca di polemiche pandemiche e ragionamenti sterili che hanno spesso fatto vacillare anche le più inossidabili priorità, il Napoli tramite le sue pagine social ci ha regalato un momento davvero bello e commovente, che ci ha riappacificato con il senso più vero e profondo del calcio che amiamo. E’ bastata un’intervista di pochi minuti al neo azzurro Victor Osimhen per ricordarci quali sono le cose realmente importanti nella vita: gli affetti, la famiglia, non mollare di fronte alla difficoltà, rimboccarsi le maniche e credere nei sogni, lavorando sodo per realizzarli (L’INTERVISTA). Tutto parte da Lagos, passa per il Wolfsburg, fa tappa al Lille per poi fermarsi all’ombra del Vesuvio. Ma se i ricordi sono da brividi, il finale dedicato ai tifosi azzurri è da pelle d’oca: perchè, chi è speciale, chi è un campione non solo in campo, lo si riconosce davvero subito.

Dead line: mercoledì

Cari amici delle pillole del campionato del Napoli, anche questa settimana l’unico argomento che ha regnato è stata la bagarre legata al match contro la Juventus. Chi ha ragione? Cosa dice il protocollo? Perchè l’Asl ha fermato i partenopei? Ovviamente i momenti di ilarità non sono mancati, così come quelli nei quali abbiamo capito che se è più vicino un vaccino per contrastare il covid, quello per l’ignoranza è lontano ancora anni luce. Nonostante le congetture e gli elementi ormai chiari, la dead line è fissata per mercoledì quando il chiacchieratissimo giudice sportivo Gerardo Mastrandrea si pronuncerà (LEGGI I DETTAGLI). Si va al momento verso il rinvio del match al 13 gennaio con multa salata per gli azzurri. Ma di questo ne riparleremo la prossima settimana!

La bolla di Castel Volturno

Ahhhh che brutta domenica, cari amici delle pillole del campionato del Napoli. Mi è mancata la serie A, i sorrisi di Osimhen, le esultanze di Mertens, i cross di Hysaj, le urla di Gattuso, persino il ballottaggio Ospina-Meret. Insomma, mi è mancato il Napoli, ancora relegato nella famigerata bolla di Castel Volturno. Eh sì, tutti in hotel, senza la possibilità di uscire o di vedere i propri cari. Unica eccezione gli allenamenti che stanno dando i loro frutti, parola dello scatto di Mertens e Koulibaly che sfoggiano sui social gli addominali invocando Andrea Petagna (GUARDA LA FOTO). Anche la questione covid sta pian piano risolvendosi con Zielinski ed Elmas che stanno recuperando la migliore forma fisica. Molto toccanti le parole in settimana di Lady Zielu che ha raccontato quando Piotr stesse male anche solo per tagliare il pane (LEGGI LE PAROLE). Forza ragazzi, tornate presto!

Quasi Amici

Torniamo alla querelle della settimana, quella legata a Juve-Napoli. C’è stato un particolare che si è posto automaticamente sotto ai riflettori, riecheggiando su tutti i social ed i media. No, non sono state le fantastiche parole del Governatore della Campania Vincenzo De Luca all’indirizzo del presidente Agnelli e della lealtà sportiva (LEGGI LE PAROLE), bensì il fatidico messaggio che avrebbe inviato De Laurentiis proprio all’indirizzo del massimo dirigente bianconero. “Dai, Andrea, rinviamo questa gara? Non c’è da scherzare con la salute di decine di persone!” ” Non se ne parla proprio” la piccata risposta da Torino, rompendo definitivamente ogni tipo di rapporto (LEGGI L’INDISCREZIONE). Il resto della storia è ormai nota ai più e forse ha proprio ragione De Luca…c’era solo da ringraziarlo il Napoli, che non ha infettato su tutti mister CR7. Si scherza, eh.

Separati in casa

In questo appuntamento delle pillole del campionato del Napoli, non possiamo esimerci dal tornare un passettino indietro e commentare l’ultimo giorno di mercato azzurro. Io me lo immagino così. Da un lato un tran tran telefonico caldissimo sulla linea Milik-Ssc Napoli. Tutti infatti pensavamo che alla fine l’attaccante polacco avrebbe accettato una delle destinazioni proposte in serie A ed invece siamo rimasti delusi. Perdono tutti: il calciatore che lascia alle spalle una ghiotta chance per arrivare al top ai prossimi europei ed anche il Napoli che si ritrova un fuori rosa ed una bella gatta da pelare, con un po’ di questioni burocratiche da risolvere in corsa (I DETTAGLI). Dall’altro lato c’è la tranquillità spagnola di Llorente, altro separato in casa azzurra insieme a Malcuit (LE ULTIME). L’ex Juve, quasi sposo della Samp, rimanda tutto a gennaio godendosi il sole, il mare ed altri tre mesi all’ombra del Vesuvio. Andale!

Una vita da mediano a recuperar palloni

C’è anche da festeggiare in queste pillole del campionato del Napoli. Il calciomercato estivo, nel suo ultimo giorno ha portato l’ufficialità di un grandissimo calciatore: si tratta di Tiémoué Bakayoko, prospetto importante e d’esperienza che aggiunge agli azzurri un altro fondamentale tassello per il salto di qualità (I DETTAGLI). Roccioso, di carattere e temperamento, come canta Ligabue è il classico mediano pronto a recuperare palloni con il piede però educato e di qualità, versatile e preciso. Non da sottovalutare poi, il suo splendido rapporto con Gattuso che lo ha voluto fortemente all’ombra del Vesuvio. Insomma, non vediamo l’ora di vederlo in campo, consci che ha tutte le carte in regola per fare davvero bene al Napoli. Benvenuto Tiémoué!

Chi ama non dimentica

Spazio ai ricordi anche nel finale delle pillole del Campionato del Napoli. In settimana una foto ha fatto il giro del web: una maglia viola ed un baffetto da sparviero che hanno trovato, insieme, una nuova collocazione. Eh sì: Josè Maria Callejon dopo gli stupendi ed indimenticabili anni in azzurro riparte dalla Fiorentina ed ha diviso le masse (LEGGI LE SUE PAROLE). C’è chi ha sofferto a vederlo ancora in serie A non accettando la sua scelta e chi, seppur dispiaciuto, gli ha augurato il meglio per tutto ciò che ha dato ai partenopei. Lungi da noi giudicare le emozioni ma vi riportiamo alla mente tre flash che aprono numerosi cassetti della memoria del tifoso doc del Napoli: il bellissimo taglio di Callejoniana fattura, patrimonio indelebile del calcio mondiale; le lacrime dopo l’ultima gara disputata con gli azzurri, quando sapeva da tempo di dover andare via ma continuava a giocare ed anche segnare. Infine, l’abbraccio negato ad Higuain in bianconero. Insomma, se è vero che chi ama non dimentica, è assolutamente indubbio che Callejon ha sempre amato Napoli e continuerà a farlo, a prescindere dalla maglia che indossa. Sempre.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 5 =