fbpx

Milik racconta la sua verità: “Non penso ai soldi. ADL non ha voluto parlare con il club che mi voleva”

Milik

Dal ritiro della sua Nazionale, Arek Milik racconta la sua verità: “Non penso ai soldi, sennò avrei rinnovato”. Poi frecciata ad ADL: “Non ha voluto parlare con il club che mi voleva”.

Milik racconta la sua verità: “Non penso ai soldi. ADL non ha voluto parlare con il club che mi voleva”.

Arek Milik, separato in casa Napoli, ha voluto raccontare la sua versione dei fatti, dopo la rottura con la società azzurra.

Queste le parole dell’ attaccante azzurro alla rivista polacca Sportowefakty:

“Il mio destino era in bilico fino alle ultime ore del mercato. Si è parlato troppo di me e non sempre si è detta la verità. Voglio fare chiarezza: il Napoli voleva rinnovarmi il contratto e mi ha detto: firma o vieni ceduto. Ho deciso di andare altrove, di provare qualcosa di diverso. Il mio manager stava cercando una squadra. C’erano diversi interessi, ci sono stati colloqui. La pandemia ha complicato alcune cose”

Chi erano i club interessati?  Non voglio fare nomi. C’è stato il via libera da parte mia. Ma i club non andavano d’accordo (riferimento alla Juve?, ndr) E sono rimasto a Napoli. Con la Roma ho fatto le visite mediche. La squadra comunque con la quale ADL non ha voluto trovare un accordo è in Italia”.

Motivi economici?  “Fosse stato così, avrei già rinnovato. Ho ricevuto una buona proposta. Ma la vita di un atleta è breve e all’età di 26 anni volevo crescere ed essere un calciatore migliore. Molte cose sono state fraintese. Non c’è mai stata ostilità da parte mia verso il Napoli. Ho grande rispetto per la società e ho trascorso 4 anni meravigliosi. Ma ho deciso così, questa è la mia scelta. Da parte mia non c’è nessuna guerra con il club. Spero che i tifosi lo capiscano: io volevo separarmi in armonia”.

Come ha preso l’ esclusione dalle liste?  “L’ho scoperto dai giornali, ma mi aspettavo una scelta del genere. Però la mancanza di comunicazione non è del tutto professionale. Sono stato capocannoniere negli ultimi due anni e ho dato sempre il massimo”. 

Parlerà con De Laurentiis?Non so se cambierà qualcosa parlandoci, so come ragiona. Vedremo come andrà a finire. Intanto fino all’ultimo giorno del mio contratto mi allenerò come si deve”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + 1 =