fbpx

Le Pillole del Campionato del Napoli – Nel segno degli Insigne, Europa riscattata: che derby a Benevento!

RPN - Ricciardi

Le Pillole del Campionato del Napoli archiviano subito lo strano ko all’esordio in Europa League contro l’Az Alkmaar, regalando ai tifosi un bellissimo derby contro il Benevento

Vince il Napoli al Vigorito e lo fa nel segno degli Insigne, con Roberto che apre le marcature e Lorenzo che risponde: ci penserà poi Petagna a regalare l’importantissima vittoria ai partenopei, che non hanno mai perso in campionato sul campo, tavolini a parte. Ma non solo le emozioni del Vigorito: il passo falso europeo, le parole dei protagonisti e tutti i dettagli nelle Pillole del campionato del Napoli!

Mal di gola

Maglioncino blu, pantalone scuro, ringhio sempre pronto e via, a perdere un bel po’ di voce. Il Gattuso starter pack all’ombra del Vesuvio è cosa risaputa anche per le pillole del campionato del Napoli ed in questa settimana, il tecnico azzurro ha fatto scorta di sciroppo per la tosse e spray per contrastare il mal di gola. Tutto è iniziato in un insolito giovedì pomeriggio di coppa, che nascondeva mille insidie. Il Gennaro nostrano lo sapeva bene e mai come allora, l’eco del San Paolo rimbombava in tutto il quartiere con le sue indicazioni veementi. Ieri pomeriggio poi, il capolavoro poliglotta, con le indicazioni più che colorite ad Osimhen: “Stay with Schiatterella” è diventato trend topic per almeno 15 minuti. Stoico. 

Questione di solletico

Diciamoci la verità cari amici delle pillole del campionato del Napoli, nei post gara Gattuso ha il coraggio di dire al mondo tutto ciò che il tifoso medio pensa. Che siano errori, complimenti o anche le proverbiali “zeppatelle”, il tecnico azzurro ci regala sempre una visione più che lucida dei passati 90′ di gioco. Il solletico fatto all’Az (LEGGI LE SUE PAROLE) si è rivisto in parte anche nel primo tempo contro il Benevento, nel quale il Napoli ha dovuto subire il bellissimo ed imprevedibile schiaffo di Roberto Insigne per focalizzarsi sull’obiettivo e fare, appunto il Napoli. “Il furore vorrei vederlo sempre: non sempre quando prendi cazzotti nel muso ti va bene e si gonfia, a volte serve mettere i punti. Noi ce li siamo messi giovedì ed anche oggi, non si può regalare un tempo” (LEGGI L’INTERVISTA). Nulla da aggiungere, chapeau.

Tra tamponi e defezioni

Impossibile parlare soltanto di calcio in questo periodo. Tra un dpcm di Conte ed una zona rossa di De Luca, si procede a gattoni tra la certezza della giornata di campionato appena passata e l’incauto fluire del prossimo tour de force. Eh sì, perchè soltanto qualche giorno fa non si era neanche certi che il match di Europa League contro l’Az si disputasse, per un focolaio di covid che stava colpendo gli olandesi (LA NOTIZIA). Epidemia contenuta, tamponi effettuati e via verso Napoli: forse, l’incertezza è stata la benzina degli avversari che hanno giocato la partita della vita, tatticamente perfetta. Per Koulibaly e soci invece, il tempo di rimboccarsi le maniche ed anche una bella notizia: dopo quasi tre settimane infatti, finalmente Zielinski ed Elmas hanno superato il coronavirus (I DETTAGLI). Bentornati, ragazzi!

Il pranzo della domenica

Il pranzo della domenica, tutto in famiglia, si è consumato alle ore 15 al Vigorito. Sono quelle giornate che chi ha il cuore diviso a metà vive in maniera speciale, come una stupenda favola, al di là del risultato finale. Da un lato c’è Lorenzo, bandiera della sua squadra, della sua città, che ha fatto di tutto per bruciare le tappe dell’infortunio ed esserci per poter vivere un momento indimenticabile. Dall’altro Roberto, talento cristallino, classe 1994 e che da sempre ha un idolo: proprio suo fratello. Ed eccoli lì, in campo, con due maglie diverse, loro che avrebbero potuto vestire ancora lo stesso azzurro, divisi da scelte societarie e carriere diverse. Il destino si sa, gioca sempre strani scherzi ed al 30′ è proprio Roberto a siglare il suo primo gol in A, con il Benevento, contro il Napoli, il suo Napoli (LE PAROLE DI INSIGNE). Ma il rigurgito d’orgoglio del fratello maggiore si fa sentire e via uno, due missili terra fuoco verso Montipo che al terzo nulla può fare. E ciò che accade dopo nulla cambia: a vincere è ancora una volta il talento di casa Insigne.

Petagnone&Polimessi

No, cari amici delle pillole del campionato del Napoli, non siamo usciti pazzi ma è giusto rendere merito a loro. Chiamati in causa spesso da Gattuso, hanno fatto la differenza sia contro l’Az che al cospetto di un signor Benevento. Matteo Politano  ha un talento indubbio ed ha raggiunto uno stato di forma che lo sta consacrando tra le migliori frecce nella faretra di Gattuso. Tra i top nelle ultime uscite dei partenopei, anche quando subentrato ha fatto la differenza divorando la fascia e tutto il fronte d’attacco. Nota super di merito anche per Andrea Petagna il quale, come amo dire, vi assicuro che toglierà tantissime castagne dal fuoco partenopeo, con grande carica ed amore per la maglia (LEGGI LE SUE PAROLE). Per il momento ha regalato la vittoria nel derby ed un Napoli a punteggio pieno…se non fosse per Sir Tavolino, eh.

Doppio ostacolo

Abbiamo parlato della gara contro l’Az Alkmaar, disquisito a lungo della bella vittoria nel derby ma è rigoroso per le pillole del campionato del Napoli, guardare al futuro. Si torna in campo giovedì sera per far visita alla Real Sociedad,  miglior antagonista del gironcino partenopeo, nientepopodimenoche prima nella Liga (LEGGI  I DETTAGLI). Wow. Sempre la solita fortuna, insomma. Inoltre, il Napoli l’affronterà in trasferta e soltanto tre giorni dopo al San Paolo arriverà il Sassuolo delle meraviglie. Giuro che ho finito con le brutte notizie. Quella bella è che gli azzurri ci sono, il solito turn over ragionato è pronto, certi che ne vedremo ancora delle belle.

Il re dei Tiktok

Terminiamo le nostre pillole del campionato del Napoli con un po’ di leggerezza. Lo abbiamo visto un po’ spento ultimamente, in una posizione diversa in campo, subendo le angherie degli arcigni difensori avversari. Eh sì, Dries Mertens ci sta preoccupando, sbiadito sia nella gara di Europa League contro l’Az che nel derby di Benevento. Noi sappiamo però la verità, sappiamo perchè Dries sia così provato: colpa di TikTok. Cari amici, il nostro Ciro è letteralmente costretto dalla sua bella Kat nel realizzare e riprodurre almeno un balletto a settimana dei migliori trend social (GUARDA IL VIDEO). Il risultato? Contro ogni pronostico è fantastico perchè sono bravissimi, bellissimi e simpaticissimi. Solo un consiglio però: Kat, non ce lo stancare troppo che adesso ci serve in formissima!

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 13 =