fbpx

Franco Ordine a Radio Crc: “A Gattuso dà fastidio il fuoco amico”

Franco Ordine

Franco Ordine a Radio Crc: “Nulla spaventa Gattuso, a Rino dà fastidio il fuoco amico”

Il giornalista sportivo Mediaset, Franco Ordine, amico di Gattuso e profondo conoscitore di tutta la carriera di allenatore del

tecnico del Napoli, ritiene che la partita contro il Granada, per l’andata dei sedicesimi di finale di Europa League e persa

dal Napoli per 2 a 0 in Spagna, sia stata una partita da copione.

Con le tante assenze Rino Gattuso non poteva fare di più.

Al di là di quanto successo ieri sera, Ordine pone l’accento su alcune cose che starebbe accadendo in seno alla SSC Napoli

e che al tecnico calabrese non piacerebbero affatto, non ultimo voci messe in giro sul suo operato e che proverrebbero

dall’interno del Napoli, così come, chi scrive, ebbe modo di evidenziare non tanto tempo fa.

In ogni caso il giornalista pugliese, ma di fatto formatosi in Lombardia, ritiene che il recupero di alcuni infortunati e

un minimo di entusiasmo all’interno del gruppo, potrebbero essere elementi capaci di risollevare la squadra e

permettere il superamento delle difficoltà attuali.

Ad ‘Arena Maradona’ è intervenuto Franco Ordine, giornalista e opinionista televisivo: “La gara di Granada è andata come da copione – ha detto Ordine a Radio Crc – con tutte queste assenze era difficile aspettarsi qualcosa in più”. Ordine ha seguito la carriera di Gattuso dagli inizi: “Nulla spaventa Rino – ha detto Ordine a Radio Crc – non dimentichiamo che ha iniziato a lavorare come allenatore al Sion e ha dovuto fare i conti anche con un’esperienza problematica in Grecia, dove all’Ofi Creta non avevano i soldi per pagare gli stipendi. Nelle ultime settimane abbiamo visto un Gattuso più nervoso del solito, perché ha capito che doveva difendersi dal fuoco amico. E’ stato qualcuno all’interno del Napoli a mettere in dubbio il lavoro di Rino. Non altri”. Per risollevare la china, secondo Ordine: “A Gattuso servirebbe recuperare in fretta qualche giocatore e ritrovare entusiasmo all’interno del gruppo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × tre =