fbpx

Arrestato ex presidente del Barcellona Josep Maria Bartomeu

Arrestato ex presidente del Barcellona

Arrestato ex presidente del Barcellona Josep Maria Bartomeu

Uno dei club di calcio più importanti e più amati al mondo, il Barcellona, è nella bufera per la vicenda che ha colpito il suo ex presidente Josep Maria Bartomeu.

Cosa ancora più importante che tutto questo accade a pochi giorni dalla nomina del nuovo presidente blaugrana, le elezioni si terranno domenica prossima.

Bartomeu, ex presidente del Barcellona, dimessosi lo scorso 27 ottobre, è stato arrestato questa mattina nel corso

dell’operazione “BarcaGate“, lo scandalo scoppiato poco più di un anno fa in Spagna e che vede coinvolto proprio il club blaugrana,

all’epoca guidato dal dirigente catalano.

Le rivelazioni arrivano da Cadena Ser, portale dal quale è partita l’inchiesta, e da La Vanguardia.

Altri tre dirigenti del Barcellona sono stati tratti in arresto.

Secondo le indagini il management di Bartomeu aveva assunto una società esterna, la I3 Ventures, per creare contenuti

sul web e sui social che screditassero tutti coloro che criticavano l’operato della dirigenza blaugrana, tra questi anche

i giocatori della stessa società, come Gerard Piqué o Lionel Messi.

In ogni caso questa società esterna doveva proteggere la reputazione di Bartomeu che era l’unica cosa che contava.

Tra le vittime illustri c’erano anche l’ex allenatore del Barcellona Pep Guardiola e Xavi.

Su tutti, però, c’erano le due icone del club, Piqué (criticato per i suoi affari con la coppa Davis di tennis) e, soprattutto la Pulce che non ne voleva saperne di rinnovare il proprio contratto.

Il Barcellona dell’allora presidente Bartomeu pare abbia pagato per questi servizi sei volte di più rispetto alle tariffe usuali per questo tipo di lavoro di creazione di contenuti.

Le indagini si sono concentrate sugli uffici dei dipartimenti finanziari e legali, alla ricerca di documentazione che dimostri i reati di ingiusta amministrazione e corruzione tra individui.

I Mossos d’Esquadra sono arrivati presso gli uffici del Barcellona al Camp Nou nelle prime ore del mattino.

Contestati il reato di amministrazione ingiusta e corruzione tra individui in relazione alla questione dei social network.

Hanno anche ispezionato la residenza dell’ex presidente e le sedi di alcune delle società legate all’inchiesta.

Sono in totale quattro gli arresti effettuati. Oltre a Bartomeu, sono finiti in manette l’ex capo del personale del club, Jaume Masferrer, l’attuale direttore generale, Oscar Grau, e anche il capo dell’ufficio legale, Roman Gomez Ponti.

Lo riferiscono fonti giudiziarie. Bartomeu e Masferrer sono in stato di detenzione cautelare presso i rispettivi domicili.

I candidati presidenti del Barcellona che domenica prossima si daranno battaglia per assumere tale incarico si sono

espressi sulla questione. Joan Laporta ha detto: Non è una buona notizia per il club. Forse la sua gestione non è

stata positiva ma resta pur sempre un ex presidente del Barcellona. Merita comunque la presunzione d’innocenza.

Anche Toni Freixa, aspirante alla guida del club, ha detto: “E’ una situazione spiacevole che non sarebbe dovuta accadere.

Come socio del Barcellona, non mi sento per nulla soddisfatto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + due =