fbpx

Clamoroso Van Basten: “Il Napoli rubò lo Scudetto del 1990. Favori costanti agli azzurri.”

Marco Van Basten, ex attaccante del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni clamorose a Diario AS sullo scudetto del Napoli del 1990

Marco Van Basten, ex attaccante del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni clamorose a Diario AS sullo scudetto del Napoli del 1990.

Il cigno di Utrecht è tornato a parlare dello Scudetto del 1990 che il Napoli vinse con una cavalcata mostruosa, dopo aver vinto, la stagione precedente la Coppa Uefa. Gli azzurri guidati da un inarrestabile Maradona iniziarono una cavalcata trionfale fino al termine del campionato.

Van Basten aveva già parlato anche l’anno scorso del campionato del 1990, secondo lui truccato, perché il Napoli era stato eccessivamente favorito dagli arbitri. L’ex attaccante della Nazionale olandese alla fine delle dichiarazioni fa riferimento all’episodio che coinvolse Alemao a Bergamo nella gara contro l’Atalanta.

Queste le sue parole:

“Scudetto del 1990? Hanno fatto tutto il possibile per darlo al Napoli. Le nuove regole permettevano di partecipare alla Coppa dei Campioni sia ai vincitori dell’anno prima, sia ai vincitori del campionato. Noi avevamo vinto la Coppa dei Campioni e fecero di tutto per non farci vincere il campionato e mandare due squadre italiane nella massima competizione europea. Furono incredibili gli scandali arbitrali – prosegue l’ex attaccante – contro Milan, Inter e Verona mentre c’erano costanti favori per il Napoli”.

Van Basten aggiunge benzina sul fuoco: “Furono incredibili gli scandali arbitrali contro Milan, Inter e Verona mentre c’erano costanti favori per il Napoli. La partita che gli è stata regalata a Bergamo contro l’Atalanta per l’episodio di Alemao (la monetina ndr) quando perdevano 2-0 fu qualcosa di tremendo. Il Napoli ha vinto quello scudetto negli uffici”.

In realtà la partita era sullo 0-0, poi il brasiliano fu colpito alla testa da una moneta da 100 lire che fece scattare lo 0-2 a tavolino. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.