fbpx

Chiariello sul Napoli: “Vittoria che fa arrabbiare: persa una grande occasione quest’anno. Non siamo inferiori a nessuno”

Radio Punto Nuovo Chiariello

Chiariello sul Napoli: “Vittoria che fa arrabbiare: persa una grande occasione quest’anno. Non siamo inferiori a nessuno”

Chiariello sul Napoli: “Vittoria che fa arrabbiare: persa una grande occasione quest’anno. Non siamo inferiori a nessuno”

Il Napoli esce vittorioso dallo stadio Olimpico nel match che lo vedeva opposto alla Roma di Fonseca. Gattuso e i suoi allungano così la striscia positiva, portandola a quattro vittorie e un pareggio (che valgono ben 13 punti) nelle ultime cinque partite.

Umberto Chiariello dice la sua nel consueto editoriale di Campania Sport, in onda su Canale 21:

La partita con la Roma è stata preceduta da una serie di polemiche dalla sponda giallorossa per lo spostamento di Juve-Napoli. Ho detto in settimana, un po’ scherzando, che il grande protagonista di questa vicenda è stato Aurelio De Laurentiis.

Il presidente ha cercato di dividere il nemico nel momento di difficoltà, chiedendo il rinvio della partita.

Il Napoli ha fatto la settimana tipo prima del Milan e l’ha battuto meritatamente, stessa cosa questa sera contro la Roma, stracciata nettamente.

In tempi non sospetti avevo detto che la corsa per la Champions la doveva fare sui bianconeri che sono una squadra inguardabile. Dobbiamo sperare che il Milan freni incredibilmente perché l’Atalanta non la prendiamo più, ma è difficile perché anche oggi i rossoneri hanno vinto a Firenze. Il Napoli invece esce da Milano e Roma con due vittorie sonanti.

Il giornalista torna sulle critiche indirizzate a Gennaro Gattuso:

L’ho criticato a sangue e non me ne pento un secondo, mi pento solo di avere usato una frase dai toni eccessivi. Avevo detto che avrei stracciato il tesserino all’allenatore azzurro perché non volevo più vedere a centrocampo il ‘palo della luce’ Bakayoko al fianco di Fabian Ruiz.

Guarda caso da quando il Napoli schiera in mezzo al campo Demme insieme a Fabian, lo spagnolo è cambiato da così a così. Con Fabian e Demme e Zielinski che torna in fase difensiva e si propone in avanti, il Napoli sulla trequarti diventa fortissimo.

Inoltre è tornato anche il centravanti, grande attenuante di Gattuso. Ora il Napoli è una squadra vera che ha qualità. Io non faccio parte dei pentiti, non ho mai detto che gli azzurri erano stati sopravvalutati, neanche quando hanno fatto solo 2 punti su 15 in casa contro squadre inferiori.

Se oggi se solo avessimo battuto Spezia, Torino e Sassuolo, pareggiato a Verona e Genova saremmo in lotta per lo scudetto.

Però va dato atto a Gattuso che ora sta mettendo in campo una squadra logica che può centrare la zona Champions.

Io per la vittoria del Napoli di stasera sono arrabbiato. Nella stagione dove è venuta meno la Juve, che rischia di non entrare in Champions, abbiamo perso una grande occasione. Il Napoli non è inferiore a chi lo precede.

Ora bisogna andare a vincere a Torino dando la botta definitiva alla Juventus. A quel punto si può aprire un altro pezzo di stagione, perché Gattuso andrà via ma può lasciarci con un altissimo onore delle armi, e noi glielo riconosceremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.