fbpx

Arrigo Sacchi: “Smettere la miglior decisione della mia vita”

Sacchi

Arrigo Sacchi ha rilasciato delle dichiarazioni al Corriere Della Sera, commentando il ritiro di Prandelli dalla Fiorentina e dal calcio

Le dichiarazioni:

“Dopo che vinsi una partita con il Parma sul Verona, chiamai mia moglie e le dissi basta è finita.

Per la prima volta non avevo provato nulla, lì capì che era arrivato il momento di chiudere.

E’ stata la decisione più giusta della mia vita dopo quella di fare l’allenatore, sono andato da uno psicologo, gli ho chiesto se fosse normale non sentire più nulla.

Mi ha risposto che non era normale l’ansia dei 27 anni precedenti. Lo stress può essere un plusvalore, ma se ti sovrasta devi saperti fermare.

Ne parlo spesso con Guradiola, la lezione? Ho capito che non volevo diventare il più ricco del camposanto”.

Dichiarazioni molto forvianti quelle di Arrigo Sacchi, che fanno intendere quanto sia difficile, cattivo, stressante il mondo del calcio

Nel calcio di oggi la pressione è tanta grazie ai social ma dalle parole di Sacchi si evince quanto pesassero gli errori anche nel calcio di ieri dove invece dei social c’erano i giornali che ti mettevano forse doppiamente sotto analisi.

Nel calcio non solo i giocatori devono essere forti mentalmente ma anche chi li allena ha bisogno delle motivazioni e della testa giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.