fbpx

Il Napoli 2021-22, Corbo: “ADL faccia una conferenza a fine stagione per rivelare il suo piano industriale”

Il Napoli 2021-22

Il Napoli 2021-22, Corbo: “ADL faccia una conferenza a fine stagione per rivelare il suo piano industriale”

E pensare che la Superlega avrebbe raccolto le squadre più forti d’Europa, così come la Champions accoglie allo stesso modo. E invece la Champions vale cinquanta milioni e la Superlega, se avesse funzionato il progetto, sarebbe valsa tanto, ma tanto di più.

Anche la Champions per far cassa

Per dire che anche per la Champions vale il solito discorso: lo scopo è quello di far cassa.

Il Napoli è legato quindi alla Champions per definire ingaggi, mercato, progetti?

Antonio Corbo e la SSC Napoli

Nel suo editoriale per Repubblica, Il Graffio, il giornalista Antonio Corbo ha espresso quanto.

“Ma un club con sei milioni di tifosi nel mondo se sono ancora queste le stime, che ha scalato il mondo nel mito di Maradona, che ancora oggi entra a pieno titolo in una operazione commerciale Amazon che rievoca Diego, che ha uno dei primi 20 fatturati d’Europa, che fino a due anni fa annunciava di lottare per lo scudetto, può davvero subordinare il suo futuro ai 50 milioni della Champions?”.

Una risposta che Antonio Corbo, giornalista, sente di dare prima ancora di chiedere a De Laurentiis di: “tenere una conferenza stampa, a fine campionato, per rivelare non la sua decisione sulla scelta dell’allenatore, ma il suo piano industriale. Non può limitare il suo personaggio ad un tweet. È uno splendido visionario, si faccia conoscere e quindi amare dal pubblico. Idee ne ha tante, ne parli. Niente rende più di una trasparente comunicazione”.

“È ancora convinto che sia meglio noleggiare anche una penna Bic o un ferro da stiro piuttosto che darsi una struttura diversa”?

Il Napoli 2021-22

“Vuol comprare ancora giocatori ventiduenni tipo Osimhen da circa 50 milioni o cercare i fratellini di Insigne nelle sue periferie come altri che giocano i serie A? Dopo foto e statue nelle stazioni dedicate a Diego, una società guidata da un produttore lascerà ad altri le operazioni commerciali sul mito del più grande calciatore di tutti i tempi? Ricordando le opere televisive legate alla creatività avvincente di Maurizio De Giovanni con tagli cinematografici su interni storici e panorami della città, possibile che non si possa produrre nulla che porti Diego, il Napoli e Napoli nel mondo meglio di quanto abbia purtroppo reso alla nostra città Gomorra“?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + otto =