fbpx

Zazzaroni su Napoli Cagliari: “Gol di Osimhen regolare. Ma non dite che il sistema non lo vuole in Champions…”

Ivan Zazzaroni

Zazzaroni su Napoli Cagliari: “Gol di Osimhen regolare. Ma non dite che il sistema non lo vuole in Champions…”

Zazzaroni su Napoli Cagliari: “Gol di Osimhen regolare. Ma non dite che il sistema non lo vuole in Champions…”

La corsa Champions è ancora nelle mani del Napoli. Nonostante il pareggio con il Cagliari e quel blackout finale in una partita dominata per circa 70 minuti dagli azzurri, Gattuso e i suoi sono ancora padroni del loro destino. Servono quattro vittorie per accedere al prestigioso piazzamento.

Gli introiti della massima competizione continentale sono fondamentali per un mercato all’altezza.

Sulla partita, e più in generale sul rush finale del campionato, dice la sua il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni ai microfoni di Radio Punto Nuovo:

L’AIA è un mondo chiuso e autoreferenziale, difficilmente interpretabile. Il gol di Osimhen non doveva essere annullato, pesa tanto nella corsa per andare in Champions League. Muriel ha trascinato l’Atalanta, ma nei momenti chiave sta commettendo errori gravi che stanno complicando i piani Champions dei bergamaschi. Il Napoli ieri poteva fare quindici gol, ma, a mio avviso, concede troppo in fase difensiva e anche singolarmente i difensori commettono tante ingenuità. Nulla è compromesso, ma ora i bonus sono finiti, essendoci una lotta così serrata per entrare in Champions. Il calendario è sempre importante, ma nelle ultime giornate le variabili sono davvero tante.

Ritengo che lo scudetto dell’Inter sia quasi esclusivamente merito di Conte. Da novembre in poi ha avuto quella continuità mancata alle avversarie, che non hanno mai impensierito realmente i nerazzurri. Non è vero che il sistema non voglia il Napoli in Champions League, capisco la delusione dei tifosi partenopei, ma, relativamente alla gara di ieri, il problema sono state le troppe occasioni fallite. Rispetto al passato, la Federazione vigila maggiormente su possibili ingerenze delle società sugli arbitraggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × quattro =