fbpx

Napoli – Juventus 2-1, la “frecciata” di De Laurentiis: “Amo Spalletti, non si offende a differenza di altri… Tifosi del Napoli esemplari, oggi abbiamo dominato!”

Napoli Juventus De Laurentiis

 Napoli – Juventus 2-1, la “frecciata” di De Laurentiis: “Amo Spalletti, non si offende a differenza di altri… Tifosi del Napoli esemplari, oggi abbiamo dominato!”

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ha parlato a DAZN al termine di Napoli – Juventus 2-1 commentando il risultato e non risparmiando una “frecciata” in direzione con ogni probabilità dell’ex tecnico Gennaro Gattuso. Queste le parole del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis a DAZN a commento di Napoli – Juventus 2-1.

 

+8 sulla Juve.
“E’ un buon inizio, devo ringraziare Spalletti che ha quadrato la squadra con un gioco interessante. Abbiamo condotto il gioco dall’inizio alla fine, peccato per l’errore iniziale. Ringrazio il 12esimo uomo in campo per la sua educazione, perchè i nostri tifosi sono veramente esemplari in questo.”

 

La sua opinione sul campionato.
“Noi combattiamo contro il Covid e contro tutte le istituzioni, in campo e non. Ho sempre detto che non si possono giocare tutte queste partite in un anno. Mi fa piacere andare a giocare contro il Leicester, che gioca molto bene a tutto campo. In Inghilterra c’è un gioco diverso, gli arbitri fischiano pochissimo.

Anche stasera l’arbitro è intervenuto poco e bene. Speriamo che nel tempo le cose migliorino. Adesso bisogna farsi accettare da Boris Johnson in Inghilterra, perchè giocare senza portiere sarà difficile… Marchetti della UEFA mi ha rassicurato che la UEFA ha girato il mio messaggio e quello di altri colleghi al Governo inglese, vedremo cosa accadrà. La nostra fortuna è che l’Europa League si gioca di giovedì. Ognuno gioca la propria partita, avendo più giorni a disposizione possiamo sperare in una soluzione del problema.”

 

De Laurentiis sull’entusiasmo della piazza napoletana.
“Gli entusiasmi si devono avere e condividere nella vita, altrimenti sarebbe tutto troppo triste. Spalletti l’ho scelto perchè è un uomo ordinato, diligente, non impositivo e che sa gestire le cose con fermezza come piace a me. Con lui si può parlare e non si offende per qualunque chiarimento si possa chiedere, non ha fantasmi nel suo ego come molti altri invece hanno.”