fbpx

Lozano – Napoli, Fedele ricorda: “Il messicano fu comprato perché si pensava ad una cessione”

Enrico Fedele

Lozano – Napoli, Fedele ricorda: “Il messicano fu comprato perché si pensava ad una cessione”

Sale l’attesa per Inter Napoli di domenica prossima, tredicesima giornata di campionato, con inizio alle ore 18,00, stadio San Siro-Meazza di Milano.

Per questo importante incontro lo stadio è già esaurito. Il riferimento è dell’edizione online del Corriere dello Sport: domenica pomeriggio al

Meazza ci saranno 57.000 spettatori.

Napoli leggermente avvantaggiato sul Milan

Le due squadre giocheranno successivamente a Fiorentina Milan, in programma sabato prossimo alle 20,45, si ritiene, quindi, che il Napoli

sia leggermente avvantaggiato, conoscendo in anticipo il risultato dei rossoneri in testa alla classifica in comproprietà.

Nella squadra azzurra mancherà Diego Demme, ancora in quarantena fiduciaria per il Covid-19 che lo ha colpito nei giorni scorsi.

Qualche dubbio per Ounas, da verificare le sue condizioni, per il resto la squadra è confermata nella sua totalità.

In attacco ci sarà Osimhen

In attacco agirà Osimhen, l’uomo del momento per il Napoli, ambito da parecchie squadre europee, e per il quale il presidente Aurelio de

Laurentiis sta pensando ad una vera e propria “gabbia protettiva” che allontani eventuali pretendenti al suo cartellino.

A proposito di attaccanti c’è stata un’esternazione di Lozano nei giorni scorsi, circa la sua voglia di confrontarsi in squadre, forse più titolate

del Napoli, avendo raggiunto una maturità, secondo quanto da lui riferito, da spendere in squadre di altro spessore.

Enrico Fedele su Hirving Lozano

Ne ha parlato Enrico Fedele, dirigente di calcio, agente dei calciatori e grande esperienza per il pallone a Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live”: “Lozano? Non credo volesse dire quello che ha detto, comunque deve dimostrare di essere un giocatore da grande club ma ha nelle corde le possibilità di diventare un goleador. Forse fu comprato perché si dava per certa la cessione di Insigne e quindi il Napoli si tutelò con anticipo e spese un po’ troppo per Lozano”.