fbpx

Ospina tentato dalla Lazio: così Meret rinnoverebbe col Napoli

Ospina tentato dalla Lazio

Ospina tentato dalla Lazio: così Meret rinnoverebbe col Napoli

In un momento così importante, topico per le vicende calcistiche della squadra, sia in campionato, sia in Europa League, parlare di calciomercato sarebbe deleterio per la squadra del Napoli.

Intanto però il diritto di cronaca è sacrosanto e non si può sottacere l’interesse di altre squadre verso i calciatori partenopei.

La Lazio tenta David Ospina

Una particolarmente attenta agli sviluppi contrattuali dei nostri calciatori, è la Lazio, squadra interessata ad uno dei numeri uno della società

del presidente De Laurentiis: David Ospina.

E’ storia il dualismo che esiste tra il colombiano e Meret con il primo sempre presente in campionato e con il friulano a proteggere la rete in

occasione delle partite di EL degli azzurri.

Per l’allenatore Spalletti questo sentirsi sotto osservazione produce effetti positivi per entrambi i calciatori, mentre non è proprio vero per il

giovane Alex che, nell’ultima uscita contro lo Spartak, ha mostrato qualche calo di tensione inopportuno per le vicende agonistiche della

squadra.

Ospina o Meret? Dilemma Napoli

Dell’interesse della Lazio nei confronti di Ospina se ne è parlato sulle colonne di calciomercato.com in questi termini: “Il contratto di David Ospina scade a giugno prossimo, quello di Alex Meret a giugno 2023.

Presto il Napoli dovrà fare una scelta-puntare sul colombiano o sull’ex Udinese?

Secondo Calciomercato.com, quest’ultimo accetterebbe il rinnovo di contratto, a cui il club azzurro già sta pensando, soltanto se riceverà garanzie su un ruolo da protagonista che fin qui non ha avuto. In questo senso l’assist potrebbe arrivare proprio da Ospina che – si legge sul portale milanese – starebbe seriamente prendendo in considerazione un trasferimento alla Lazio, a cui interessa eccome.

Se ne riparlerà probabilmente nei prossimi mesi, ma una cosa è certa: difficilmente entrambi gli estremi difensori resteranno alle pendici del Vesuvio”.