fbpx

Napoli-Milan- Stefano Pioli a DAZN: “Tanto lavoro senza palla e siamo stati premiati. Scudetto? Inter favorita”

Stefano Pioli Sky Milan Napoli

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, ha commentato ai microfoni dell’emittente televisiva DAZN la gara contro il Napoli

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, ha commentato ai microfoni dell’emittente televisiva DAZN la gara contro il Napoli.

Queste le sue parole:

Tre punti importanti per la nostra classifica, i ragazzi hanno lavorato tanto senza palla con collaborazione e la voglia di stare in partita e alla fine siamo stati premiati”.

Chi copre Theo quando il francese avanza?
“Doveva essere più Sandro (Tonali), anche se Kessie ha fatto spesso la mezzala sinistra stasera. A sinistra abbiamo grandi caratteristiche di forza e qualità da sfruttare”.

Ottima prova di Kalulu e Tomori
“Sì, moltissimo. Partita difficile, loro muovono tanto i centrocampisti e spesso ci son stati dei confronti con Osimhen. La coppia ha lavorato molto bene, siamo soddisfatti dello scontro diretto vinto. Il nostro obiettivo è fare meglio dell’anno scorso, abbiamo un punto in più e c’è ancora tanto da fare”.

Ottimo lavoro del centrocampo
“La scelta era di schierare un centrocampo di gamba, aggressività e forza. Abbiamo lavorato tanto e bene, siamo stati dentro la partita fino alla fine ed è stata una bella partita. Ma ora ne arrivano due molto delicate ed importanti e cercheremo infine di recuperare energie con la sosta”.

Al contrario, con le piccole diversi punti persi
“Abbiamo fatto meno bene e dobbiamo migliorare sotto questi aspetti. Ora tutto passa da partite con avversarie che stanno sotto di noi. Non nominerei lo Spezia perché non doveva finire in quel modo ma è vero, non siamo riusciti a dominare quelle partite. È il momento di dimostrare che abbiamo imparato la lezione”.

Su Giroud. Cosa sta dando al Milan in più?
“L’idea era di inserire giocatori di spessore, che avevano già vinto qualcosa e sanno cosa significa lavorare per vincere e soprattutto c’è sempre bisogno di persone di spessore. A me, Paolo e Ric è bastata una videochiamata con Olivier la scorsa estate per capire che professionista avevamo di fronte. Più giocatori seri e professionali hai e meglio è. Dovevamo inserire persone di livello alto, non solo tecnico e tattico ma anche morale”.

Chi è favorito per lo scudetto?
“Sicuramente l’Inter che è una squadra molto forte, perché la classifica è ancora virtuale. Mi spiace ci siano ancora dei recuperi, sarebbe più corretto se tutti fossimo allo stesso livello di partite. L’Inter è favorita perché è una squadra molto forte, è ancora virtualmente prima in classifica e noi dobbiamo pensare a fare più punti possibile”.