fbpx

Cristiano Giuntoli a Dazn: “Rivoluzione Napoli? Non so se lo sarà”

Il mercato del Napoli

Cristiano Giuntoli a Dazn: “Rivoluzione Napoli? Non so se lo sarà”

“Dobbiamo prima incontrare i calciatori e i loro agenti e poi decidiamo”

Oggi il Napoli ha giocato il suo Lunch Match e non ha tradito le attese di chi riteneva che a La Spezia gli azzurri dovessero imporsi.

E’ stato proprio così e con un risultato che non lascia spazio ad alcuna critica nei confronti della squadra.

Se qualcosa vi è da dire è che il Napoli ha segnato le tre reti con coloro che in questo momento sono ritenuti “rincalzi” (Politano, Zielinski, Demme)

e che, nel secondo tempo con in campo i titolarissimi, Insigne compreso, la squadra non è riuscita a perforare la porta difesa dal portiere spezzino, Ivan Provedel.

Finisce dunque al terzo posto questa corsa della squadra di mister Spalletti con la meritata qualificazione in Champions League e con la speranza che

il presidente Aurelio De Laurentiis organizzi per il prossimo anno un team all’altezza delle aspettative della gente che non ha mai vinto la Champions e

che aspetta lo scudetto da ben 32 anni, l’ultima volta fu nel 90 grazie al genio e al talento dell’incommensurabile, unico, eccezionale Diego Armando Maradona.

Per l’allestimento del nuovo Napoli vi sono le parole di Cristiano Giuntoli, direttore sportivo del Napoli, che è intervenuto prima del match con lo Spezia ai microfoni di Dazn: “Oggi ci divertiremo ma proveremo a fare anche risultato perché vincere aiuta a creare la mentalità giusta. Vogliamo finire bene il campionato, per i tifosi e per noi stessi”.

Ultima partita di Ghoulam: “E’ qui da sette anni, quasi mi commuovo a pensare a tutti i momenti passati insieme. E’ una forma di ringraziamento, gli facciamo un grande in bocca al lupo per il suo futuro”.

Per il Napoli ci sarà una rivoluzione? “Dobbiamo aspettarci una squadra competitiva come lo è stata sempre negli ultimi anni. Rivoluzione non lo so, dipenderà da tanti fattori. Dobbiamo ancora incontrare diversi calciatori e le loro agenzie, dopodiché decideremo il da farsi”.