fbpx

Gaetano – Napoli: “Sono pronto a prendere il mio posto in squadra”

Gaetano - Napoli

Gaetano – Napoli: “Sono pronto a prendere il mio posto in squadra”

“Tornare a Napoli non mi spaventa, è casa mia e sono pronto!”.

Queste le parole del gioiellino azzurro, Gianluca Gaetano, che quest’anno ha dimostrato davvero di meritare palcoscenici importanti.

Con la Cremonese, Gianluca è cresciuto molto e ha raggiunto l’apoteosi garantendo alla squadra lombarda e a se stesso il salto di qualità con la promozione in serie A.

Ora è il momento della svolta e lo hanno capito in tanti: la convocazione con la Nazionale Under 21, lo stage formativo con la Nazionale maggiore di Roberto Mancini, il Napoli.

Non è certo soltanto un caso, ma un preciso progetto che coinvolge Gaetano e per il quale il ragazzo di Cimitile si sente pronto ad affrontare le sfide..

Il centrocampista di proprietà del Napoli, direttamente dal ritiro della Nazionale è intervenuto in conferenza stampa: “Per l’Under 21 è sicuramente un momento importante, dobbiamo essere concentrati e allenarci bene. Abbiamo anticipato il ritiro per formare il gruppo, fare allenamento e preparare al meglio gli impegni che ci aspettano. Ora pensiamo alla gara contro il Lussemburgo, poi penseremo anche alle altre due”.

A luglio tornerai al Napoli.
“Voglio ringraziare la Cremonese per questi tre anni in cui la società mi ha sempre riconfermato. In questa ultima stagione ho accumulato molta più esperienza, il tutto coronato con un campionato vinto e la promozione in A. Il ritorno a Napoli non mi spaventa, mi sento pronto e ho voglia di dimostrarlo sul campo. Napoli è la mia casa e quindi darò il massimo in ogni partita”.

Su Insigne.
“Sicuramente mi dispiace che sia andato via, ma Napoli è un ambiente difficile. Lui ha fatto stagioni meravigliose in azzurro, per fare una carriera come la sua bisogna lavorare davvero tanto e dimostrare il proprio valore in campo”.

Idoli.
“Sicuramente tra i miei idoli c’è Paul Pogba. Dovesse tornare alla Juventus, gli chiederei la maglietta. Io erede di Hamsik? Per il ruolo sì”.