fbpx

Spalletti avrà portato le catene in valigia per Koulibaly?

Aurelio De Laurentiis

La situazione Koulibaly mette il Napoli e il suo tecnico in ansia: Spalletti potrebbe usare le catene per non perdere il suo Comandante.

Spalletti avrà portato le catene in valigia per Koulibaly?

Oggi, a Dimaro, Luciano Spalletti presenterà il ritiro trentino nella prima conferenza stampa della stagione 2022/2023. Conferenza stampa che, sicuramente, si incentrerà sulla situazione Koulibaly.

Il difensore senegalese, designato ad ereditare la fascia di capitano lasciata libera da Insigne, è al centro di tante, troppe, voci di mercato che lo vorrebbero fin da questa estate, ad un anno dalla naturale scadenza del proprio contratto con il club azzurro, lontano da Napoli.

Pare che l’entourage del centrale, nella persona di Fali Ramadani, abbia declinato l’offerta di ADL di un rinnovo quinquennale a 6 milioni di euro annui (le stesse percepite fino ad oggi, ndr). Rifiuto che ha fatto arrabbiare il patron azzurro che, ora, attende offerte serie da Chelsea e Paris St. Germain. La Juve, invece, è fuori gioco per la corsa al K2.

Situazione, questa, che, per ovvie ragioni tiene in allarme tutto l’ambiente partenopeo con Spalletti in primis. Un anno fa, infatti, alla sua presentazione, il tecnico di Certaldo aveva detto che proprio per il numero 26 si sarebbe incatenato ai cancelli di Castel Volturno pur di non perderlo. Lucianone avrà portato le catene anche nella sua stanza dell’ Hotel Rosatti di Dimaro?

 Dallo Scudetto dichiarato da ADL alle paure di Spalletti, che Napoli senza il suo Comandante?

E’ innegabile: le big di Serie A si stanno rinforzando. L’Inter ha riaperto le porte della Pinetina a Lukaku (in attesa di Dybala…), la Juventus ha fatto lo stesso con Pogba raddoppiando con Angel Di Maria. A Roma stanno facendo di tutto per accontentare Mou e Lotito sta plasmando una Lazio più vicina alle idee di Sarri. Anche la Fiorentina è protagonista con l’arrivo di Gollini tra i pali e quello di Jovic dal Real per l’attacco. Forse solo il Milan Campione d’Italia sembra un po’ più fermo.

Il Napoli? Dopo i due colpi iniziali (Olivera e Kvaratskhelia) sembra si sia arenato. Gli addii di Insigne e Mertens (ma qui si spera di ricucire lo strappo, ndr) sono pesanti e le situazioni riguardanti Politano e Fabian preoccupano e non poco. Come si può parlare di Scudetto in questa situazione?

Il Comandante è imprescindibile per qualsiasi obiettivo azzurro, Spalletti lo sa. Tra il serio e il faceto, qualche settimana fa a Sky, aveva “minacciato” le dimissioni in caso di cessione di Koulibaly.

De Laurentiis deve prendere in mano, con forza, la situazione. Come già detto da Spalletti, nella prossima stagione anche riconfermarsi tra le prime quattro, diventa impresa ardua.

Bisogna definire con urgenza tante situazioni e attrezzare una rosa all’altezza delle altre grandi: Spalletti merita di lavorare con serenità.