fbpx

Schira: Il Napoli potrebbe sostituire Zielinski con Barak o anche con Szoboszlai

Piotr Zielinski intervista Rai

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Nicolò Schira, giornalista del quotidiano Il Giornale ed esperto di calciomercato. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com. Il Napoli potrebbe sostituire Zielinski con Barak o anche con Szoboszlai.

Wijnaldum alla Roma? “Il club giallorosso sta per mettere le mani su Georginio. Il Psg ha aperto al prestito del calciatore, la trattativa è ormai in chiusura. Siamo agli ultimi chilometri di un affare impossibile divenuto poi realtà. Domani ci sarà un incontro per la fumata bianca”. Quale sarà la destinazione di Solbakken? “Il Napoli è in vantaggio sulla Roma. Quest’ultima era davanti in primavera, ma poi il club partenopeo si è inserito nell’operazione ed ha trovato l’accordo con il calciatore, che approderà in azzurro durante la finestra invernale di calciomercato”. Situazione portieri in casa Napoli? “Ci sono varie idee. L’usato sicuro è Sirigu, ma il sogno è Kepa. A Giuntoli piace tanto il nome di Carnesecchi, un investimento per il futuro. Neto è un profilo gradito dalla società azzurra. Con Meret, invece, è stato già raggiunto l’accordo per il rinnovo, sono stati scambiati i documenti, manca effettivamente soltanto la firma. È una situazione lunga. Alex non è convinto, vuole garanzie da parte della dirigenza. Purtroppo il ragazzo non è mai riuscito a mostrare tutto il suo potenziale in azzurro e spesso è stato superato nelle gerarchie dal collega Ospina”. Petagma Monza? E Raspadori al Napoli? “Per ingaggiare Raspadori, il club azzurro dovrebbe attuare un’operazione importante ed investire una cifra significativa, poiché il Sassuolo è una bottega cara. Per quanto concerne Petagna, l’operazione con il Monza andrà in porto e sbloccherà anche l’affare Simeone con il Verona. C’è stato un rallentamento, ma sono trattative ormai concluse. Andrea si trasferirà in Brianza in prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni; la formula è la medesima dell’operazione con gli scaligeri per il Cholito”.
La lite tra Vagnati e Juric cambierà la geografia del mercato del Toro? “La vicenda pare essere rientrata. È una brutta pagina, anche se comunque credo che le liti siano episodi comuni. Juric ha perso cinque titolari, la tensione resta elevata in casa granata. Il Toro deve ripartire, ma Cairo sembra abbia accettato questo brutto episodio. Resta il fatto che l’allenatore croato ha delle aspettative differenti dalla scelte societarie”. Meret al Torino? “Era un discorso aperto qualche settimana fa, ma poi la pista si è raffreddata”. Szoboszlai al Napoli? “Dipenderebbe dalle uscite del club, bisognerà anche conoscere il futuro di Fanian e Zielinski, corteggiato dal West Ham. È una situazione da seguire, perché il Napoli è stato interessato all’ungherese precedentemente, ma piace anche Barak”. Kavas al Napoli? “È un’operazione molto complicata. Keylor guadagna uno stipendio elevato, forse troppo per i parametri del club azzurro”. Ronaldo al Napoli? “È un paradosso. Ronaldo comunque non vuole restare allo United, ma ingaggiarlo non è semplice, soprattutto per i costi dell’eventuale operazione. Sarebbe controcorrente con la nuova politica del club azzurro, ad oggi è solo una suggestione”. Un tale accostamento rischia di innervosire la piazza? “Non bisogna sempre credere alle notizie, non è comunque colpa del Napoli, il quale non può monitorare l’influsso dei media. Sono diffuse sempre numerose voci di mercato, i tifosi possono credere a qualsiasi rumor. Ingaggiare Ronaldo non sarebbe comunque un’operazione da calcio italiano”. Bari e Napoli saranno entrambe proprietà di De Laurentiis anche in futuro? “È una vicenda lunga. Ad oggi Aurelio non potrà conservare sia il Bari sia il Napoli, poi in futuro potrebbe cambiare qualcosa. Il patron potrebbe trovare anche una soluzione rivoluzionando il calcio italiano”.
Mercato delle milanesi? “L’Inter ha quasi completato la rosa. Nel mirino c’è Milenkovic, anche se potrebbe rinnovare con la Fiorentina. Occhio al futuro di Skriniar e ad un’eventuale offerta dall’estero. La società sta lavorando anche alla buonauscita di Sanchez, sta tentando di trovare una soluzione alternativa per liberare il cileno. Serve pazienza, non è un discorso rapido, ma il futuro di Alexis sarà distante da Milano. Per quanto concerne il Milan, filtra ottimismo per la chiusura del colpo De Ketelaere. I rossoneri hanno effettuato un ulteriore rilancio da 35 milioni, vicino alle richieste del Bruges. Tanganga, invece, è un nome per la difesa, ma sarà ingaggiato solo a determinate condizioni”. La situazione Palomino costringerà l’Atalanta ad intervenire sul mercato? “Bisognerà conoscere il proseguio della situazione, ma eventualmente la dea potrebbe intervenire sul mercato per trovare un innesto difensivo”. Zielinski al West Ham? La trattativa va avanti. Gli inglesi hanno offerto 32 milioni di euro, ma il Napoli lascerà partire il polacco solo davanti ad un’offerta di 40 milioni. Piotr chiede un ingaggio da 6 milioni, ma a 5,5 si può trovare l’intesa. Il Napoli potrebbe sostituirlo con Barak o anche con Szoboszlai”..Accantonata la pista Deulofeu? “Attualmente la pista si è raffreddata, la trattativa è in stand-by. Bisogna conoscere anche il futuro di Lozano, il quale ha precedentente cambiato procuratore, chissà magari preludio di un futuro trasferimento”. Per quanto concerne il futuro dei giovani azzurri? “Tra i giovani del Napoli, Zerbin è il calciatore che attualmente ha più chances di restare. Quale sarà la destinazione di Ounas? “Non si conosce ancora la futura meta di Adam, ma saluterà il Napoli. L’algerino è fuori dal progetto azzurro. La Ligue 1 è un’opzione, ma le opportunità più concrete sono italiane”.