fbpx

CdS- Sarri non dimentica il “suo” Napoli: “Giocava il calcio che avevo in mente”. Poi la frecciatina a De Laurentiis

Maurizio Sarri, ex allenatore del Napoli, ha parlato del suo passato in azzurro al Corriere dello Sport: dal calcio espresso dai suoi all’ombra del Vesuvio al rapporto con De Laurentiis.

Corriere dello Sport – Sarri non dimentica il “suo” Napoli: “Giocava il calcio che avevo in mente”. Poi la frecciatina a De Laurentiis.

Maurizio Sarri, grande ex azzurro, nonostante il tradimento del passaggio alla Juventus, non è mai stato dimenticato a Napoli. La sua squadra, quella dei 91 punti e dello Scudetto scippato proprio dai bianconeri, resta, nella mente del popolo partenopeo, un esempio di Grande Bellezza e calcio sublime che ha fatto innamorare l’ Italia e l’ Europa del pallone.

Sarri, attuale trainer della Lazio, rilasciando un’ intervista ai microfoni de “il Corriere dello Sport” ha parlato anche del suo passato sulla panchina partenopea:

“L’ultimo Napoli, quello dell’ultimo anno intendo. Giocava il calcio che avevo in mente, un calcio di coinvolgimento totale”. Il Napoli, quindi, come espressione perfetta della sua idea di calcio.

Poi il passaggio su Aurelio De Laurentiis, personaggio sempre un po’ sui generis: “Cosa mi è rimasto nei confronti del presidente? Una forma di affetto e gratitudine, mi ha concesso l’opportunità di misurarmi con il grande calcio ed era quello che volevo provare. Poi, certo, lavorarci insieme non è semplice”.