fbpx

Fontana: Sirigu e Meret sono un coppia ideale

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Alberto Fontana, ex calciatore, tra le tante, di Napoli, Inter e Atalanta
Handonavic è stato confermato dall’Inter…”Onana viene dall’Eredivisie, un campionato differente dalla Serie A. Non c’è nulla di strano nella scelta di Inzaghi, è giusto che debba prima ambientarsi”. Pensiero su Radu? “È un talento incredibile, è tra i migliori per rendimento. Sono convinto che potrà togliersi tante soddisfazioni, se sarà concreto”. E Maignan? “Bravo il Milan ad aver affondato il colpo. È un portiere importante, è sempre essenziale ed abile con i piedi. I rossoneri hanno un giocatore fondamentale, è uno dei top in questo ruolo”. Cosa pensi della tematica dell’alternanza, lamentata da Donnarumma? “Gianluigi è un fenomeno. La continuità del campo, tuttavia, è decisiva per la crescita personale. Anche all’Europeo è stato stato straordinario. Per quanto concerne il Napoli, Sirigu e Meret sono un coppia ideale, soprattutto per lo sviluppo dell’italiano. Navas è un estremo difensore di livello, ma non sarebbe adeguato per la coppia di portieri azzurra. Meret resta un grande calciatore” Presunta bocciatura di Spalletti, dopo le dichiarazioni rilasciate… “Ci sono aspetti che noi non conosciamo. Se un allenatore proteggesse un calciatore, sarebbe importante. Ma nel calcio i portieri che non prendono gol non sono stati inventati. Meret avrebbe dovuto e potuto fare di più, ma mi auguro che oggi sia nuovamente valorizzato”. Con la giusta continuità, Alex potrebbe migliorare? “Nel corso di questi anni ha subito alcuni infortuni, i quali sicuramente non l’hanno aiutato. Non è stato d’aiuto neppure il paragone con Donnarumma, poiché quest’ultimo è un’eccezione e non doveva essere considerato come modello di riferimento”.
Pensiero su Kim? “Kim sta facendo molto bene, non è stato facile sostituire un calciatore del calibro di Koulibaly. Ha preso decisioni semplici, è partito nel migliore dei modi e può essere importante per il Napoli”. Pensiero sull’Inter? Cos’è cambiato alla scorsa stagione? “Fisicamente la squadra non è al 100%, non ha la brillantezza della passata annata. Come organico, la rosa può ambire allo scudetto, lotterà sino alla fine per vincere. Il derby della scorsa stagione è stato un crocevia determinante. Le squadre si sono avvicinate tutte e questo fa bene al campionato e al calcio italiano”. Giuzidio sulle contestazioni dei tifosi verso De Laurentiis? “Ho vissuto in un ambiente non eccessivamente vantaggioso quando ero al Napoli. I tifosi si sono abituati bene, ma bisogna considerare l’addio di alcuni calciatori e l’avvio di un nuovo ciclo. Osimhen cambia gli equilibri, sarà rilevante per i partenopei. È una realtà fantastica a livello italiano ed internazionale. È necessario chiedere, ma in modo giusto”.