fbpx

Corbo: Spalletti contro il Toro ha dimostrato…

Napoli
A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonio Corbo, giornalista
“Nella gara Napoli-Torino, Spalletti ha dimostrato di aver studiato bene l’avversario perchè si è posto il problema delle marcature strette del Toro. La squadra di Juric con questo modo di giocare blocca la partita degli avversari a centrocampo, ma con la mossa Raspadori falso nuove, invece, Spalletti ha fatto da rampa di lancio sulle fasce laterali. Così facendo il Napoli ha cercato subito le fasce laterali, trascurate invece da Juric e infatti, tutti e tre i gol arrivano da ripartenza su fasce laterali. La partita l’ha persa Juric che si è fatto fregare da Spalletti.
Meret ha fatto una grande partita e così come ho elogiato il lavoro di Spalletti, devo anche dire che per decantare troppo Ospina ha creato dei pregiudizi su Meret. Per fortuna tutto questo è stato rimosso e superato e ad oggi con Meret, il Napoli ha un portiere affidabile.
Il Napoli ha trovato la squadra base e può cambiare qualche pedina a seconda delle esigenze.
Simeone o Raspadori? Non ho ancora studiato l’Ajax. Simeone mi piace e lo preferisco perché è una punta vera, ma c’è da capire come difende l’Ajax ad esempio, c’è da studiare la gara.
La Juventus ha l’ossessione di stupire e così facendo perde il campionato a luglio, quando fa degli acquisti per stupire, come Pogba e Di Maria. La mancanza di Marotta si sente molto perchè alcune personalità determinano. Con l’acquisto di Ronaldo e la partenza di Marotta sono cambiate tante cose nella Juve. Nedved ad esempio, credo abbia avuto un ruolo eccessivo e poi lasciatemi dire che Allegri è uno degli allenatori più bravi in Italia, è un italianista perché gioca all’italiana e a me questo tipo di gioco piace.
Nel calcio nessuno può dire di aver capito tutto perché i cambi di scena sono sempre possibili, ma De Laurentiis ha dimostrato che che nel calcio si può vincere e creare profitto mentre i mecenati lasciano solo debiti come è accaduto all’Inter e al Milan”.