fbpx

Cremonese Napoli 1-4, le pagelle. Simeone, incornata che sblocca la partita

Simeone

Cremonese Napoli 1-4, le pagelle. Simeone, incornata che sblocca il match

Cremonese e Napoli si è appena conclusa. Le due squadre si sono sfidate al Giovanni Zini per la nona giornata di Serie A. Il risultato è di 4-1 in favore degli ospiti.

Dopo la magica serata di Champions League vissuta alla Johan Cruijff Arena, dove gli azzurri si sono imposti con un sonoro 1-6, Luciano Spalletti e i suoi ottengono l’ennesima vittoria in campionato: è primato solitario.

Cremonese Napoli, le pagelle:

Meret 6 – Un paio di buone uscite. Non ha colpe sul gol di Dessers.

Di Lorenzo 7 – “Io, robot”. E’ ovunque e sembra non accusare la fatica. Stasera anche assist-man.

Rrahmani 6,5 – Dopo cento secondi, progressione con dribbling e bordata che picchia sull’incrocio. In difesa le solite, puntuali chiusure. Una sola sbavatura nel primo tempo. Esce sofferente: Spalletti spera di non perderlo.

(Ostigard s.v.)

Kim Min-jae 6,5 – Gara attenta. In occasione del gol non riesce a chiudere su Dessers, favorito da un rimpallo.

Mario Rui 7 – Dà il consueto apporto nel palleggio. Poi l’ennesimo assist, che a breve non farà più notizia.

(Olivera 6,5 – Sigla il gol del 4-1 prima del fischio finale)

Anguissa 6,5 – Indispensabile, ormai. Nonostante la tentazione, di turnover non se ne parla.

Lobotka 7 – Come sopra.

Ndombele 6 – Dai primi palloni toccati, sembra buono l’approccio al match. Con il passare dei minuti aumenta la difficoltà a tenere il ritmo.

(Simeone 7,5 – Lavora molto spalle alla porta. Poi va a prendersi l’abbraccio dei compagni con la spettacolare incornata che decide la partita e regala il primato solitario)

Politano 7 – Tra i più attivi, come spesso accade. Timbra dal dischetto, stavolta senza brivido.

(Lozano 7 – Porta vivacità quando il compagno non ne aveva più. Chiude la partita con un tap-in su splendido servizio di Kvara. Radu gli nega la doppietta al 94’)

Raspadori 6 – Altra buona prova di Jack. Più che “falso nove”, è un vero nove che ha caratteristiche per giocare dove l’allenatore desidera. Non finalizza una ghiotta occasione al 55’.

(Zielinski 6 – Piotr si vede poco, ma dà sostanza in mezzo al campo)

Kvaratskhelia 7 – Il copione si ripete. Gara sorniona, poi la giocata decisiva: il suo spunto vale il rigore dell’1-0, che mette la partita sui binari giusti. Nel recupero, l’altruismo nell’assist che chiude la partita

All. Spalletti 7 – La scelta di ricorrere costantemente ad un moderato turnover appare la più sensata a prescindere dal risultato finale. Cambi vincenti e da stasera il suo Napoli è da solo in vetta.