fbpx

Napoli-Bologna, Thiago Motta: “Kvara? Non c’è solo lui, gli azzurri hanno tanti altri giocatori”

Napoli-Bologna, Thiago Motta: “Kvara? Non c’è solo lui, gli azzurri hanno tanti altri giocatori”

Napoli-Bologna, Thiago Motta: “Kvara? Non c’è solo lui, gli azzurri hanno tanti altri giocatori”

A due giorni dalla partita del “Maradona” contro il Napoli, l’allenatore del Bologna Thiago Motta ha parlato in conferenza stampa:

Come si rimette insieme una squadra dopo quel pareggio?
“Abbiamo lavorato su tutto per affrontare al massimo la prossima sfida contro il Napoli”.

Che cosa le è rimasto degli ultimi giorni: dall’arrivo dei tifosi, ai fischi del Dall’Ara e il confronto con la dirigenza?
“Tutte queste situazioni devono servire a me come stimolo. La cosa più importante è prepararci al meglio per domenica”.

Quanto è replicabile quanto fatto contro il Napoli l’anno scorso quando allenava lo Spezia?
“Il passato è passato, ora penso al Bologna”.

Arnautovic come sta?
“Oggi non si è allenato, abbiamo ancora domani per valutarlo ma ha ancora molto male alla schiena. Ad oggi è più probabile il suo forfait…”.

Posch potrebbe essere impiegato sulla fascia destra?
“Lo ha già fatto in carriera e può essere un’opzione. E’ preparato sia in fase di copertura che in fase offensiva”.

Skorupski?
“L’ho visto bene, è concentrato e lavora come tutta la squadra per migliorarci”.

Si aspettava questo Napoli?
“Si, non mi sorprende. E’ una grande squadra allenata da un grande mister”.

Che cosa si aspetta dalla squadra?
“Io mi aspetto ambizione, mi aspetto che tutti diano il massimo per crescere e migliorare, facendo sempre del nostro meglio”.

Quanto è stato importante dopo la settimana vissuta leggere delle belle parole nei vostri confronti da parte del presidente Saputo?
“Capisco i fischi, ma i tifosi devono sapere che lottiamo tutti per lo stesso obiettivo. Le parole del presidente sono importanti per noi in questo momento”.

Il fatto che il Napoli abbia un giocatore come Kvaratskhelia destabilizza l’avversario?
“Il Napoli non ha solo lui, ha tanti giocatori forti. Li affronteremo come abbiamo fatto con tutte le altre squadre fino a questo momento, con strategia”.

Contro la Sampdoria c’è stato un calo abbastanza evidente durante il secondo tempo: un calo fisico, di concentrazione o altro?
“Credo sia un calo a livello globale. Nel primo tempo abbiamo governato la partita, mentre nel secondo tempo la Samp ha guadagnato campo e noi abbiamo perso quello che di buono avevamo fatto nella prima frazione”.

A posteriori rifarebbe il cambio di Arnautovic?
“Si perché dovevamo cercare profondità e in quel momento Zirkzee poteva darci qualcosa di più”.

La gerarchia dei portieri può cambiare?
“Durante la stagione tutto può cambiare. Ad oggi Lukasz è il nostro numero 1 e Bardi il numero 2, e sono contento di come lavorano entrambi”.

Soumaoro come sta?
“Sta bene, oggi ha fatto tutto l’allenamento”.

Soumaoro e Lucumì insieme come li ha valutati?
“Hanno fatto bene. Hanno due fisici importanti, Lucumì sa giocare bene la palla da dietro e riesce a coprire gli spazi. Sono stato però anche contento di Sosa e questo mi rassicura perché vuol dire che ho tanti giocatori su cui contare”.

Cosa sta succedendo a Orsolini? Dominguez sta dando invece delle buone risposte…
“Riccardo sono sicuro che ritornerà al suo livello. Su Dominguez posso dire che sono contentissimo di tutto quello che sta facendo perché si può contare su di lui qualsiasi cosa gli si chieda”.

Nella testa ha già un Bologna su cui pensa di puntare?
“La squadra che metto in campo è quella che a mio avviso è la migliore per quella sfida. Non faccio regali a nessuno perché quelli che giocano se lo devono meritare”.

Ha un messaggio particolare per Zirkzee?
“Ho parlato con lui e con tutti gli altri su cosa voglio e non voglio vedere in campo. Domenica può avere una chance dal primo minuto”.