fbpx

Flachi: Osimhen si sta ritagliando il suo spazio, sembrava un indemoniato con il Bologna

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Francesco Flachi, ex calciatore, tra le tante, di Sampdoria e Fiorentina
Pensieri sull’avvio di stagione della Fiorentina? “I viola stanno avendo tante difficoltà, bisogna risolvere il problema dell’attaccante. Senza quest’ultimo, non si riesce ad esprimere a pieno il gioco della squadra. Ho fiducia in Jovic, ha qualità importanti. Non sarà forse una prima punta, ma ha le capacità per risollevarsi quando riuscirà a capire i meccanismi del calcio italiano”. La Samp non sta brillando in questo avvio di stagione… “Ieri era una squadra diversa, sebbene manchi ancora la qualità tecnica necessaria per vincere. La squadra non è riuscira a segnare, non basta fare soltanto il compitino, ma andrebbe cambiato qualcosa. Il gioco dei blucerchiati, tuttavia, comincia rispecchiare il carattere di Stankovic. Mi auguro che il club riesca a superare questo momento delicato. L’evento di Ferrerò passerà in primo piano, ma gli aspetti rilevanti sarebbero quelli da vedere in campo. È stato un episodio negativo per il calcio, ciò fa intuire la vera organizzazione di questo sport”. Quest’anno il Napoli sembra implacabile attualmente… “Tutti sono titolari in questa squadra. Anche Osimhen si sta ritagliando il suo spazio, sembrava un indemoniato con il Bologna. Kvara, invece, è bello da vedere, un giocatore fantastico. Alcuni azzurri hanno vissuto all’ombra di Insigne e Fabian, Spalletti sta effettuando un operato grandioso con questi ragazzi. Complimenti alla società anche per il colpo Raspadori, ha tante qualità tecniche. Mi auguro che possa trascinare il Napoli e la Nazionale verso grandi traguardi”. Jack può ambire al Pallone d’Oro? “È ancora presto, ma può arrivare ad altissimi livelli”. Come giudichi la Roma? Cosa deve temere Spalletti domenica? “È il club giallorosso che dovrebbe temere il Napoli. Quest’ultimo dovrà fare attenzione alle ripartenze dei capitolini, sarà una gara tattica. Ma sarà l’uno contro uno a fare la differenza, godiamoci questa bella partita”. Preferenza tra Abraham e Osimhen? “Direi Victor. Sono simili, hanno caratteristiche in comune, ma il nigeriano ha più rabbia agonistica”.