fbpx

Gaetano e Zerbin, De Canio: “Ecco perchè Spalletti li ha voluti in prima squadra”

Gaetano e Zerbin

Gaetano e Zerbin, De Canio: “Ecco perchè Spalletti li ha voluti in prima squadra”

Il Napoli ha un impegno importante tra qualche ora al DAM di Fuorigrotta.

Ad attendere la squadra di Spalletti sono i Rangers Glasgow che sperano in un punteggio a loro favorevole per il prosieguo delle speranze in Europa.

Dunque, dopo la vittoria all’Olimpico di Roma in campionato, l’undicesima di fila della squadra azzurra tra impegni internazionali e nazionali,

i partenopei, già qualificati per gli ottavi di finale di Champions League, affrontano gli scozzesi per ottenere il primo posto in classifica del girone A,

ancora in bilico con il Liverpool, attualmente a nove punti.

Sarà un gustoso mercoledì di Coppa soprattutto nello scoprire gli uomini che Luciano Spalletti manderà in campo e che, in previsione, dovrebbero

sostituire in parte i soliti noti a cui il tecnico si affida per vincere di primo acchito le partite.

Si è sentito dire di Raspadori che dovrebbe vagare sulla sinistra con il Cholito Simeone al centro dell’attacco e di una preminenza di Gaetano su Zielinski

nel trio di centrocampo, oltre ad Ostigard che dovrebbe sostituire Juan Jesus.

Tra pochi minuti avremo le formazioni ufficiali e capire come Spalletti vorrà impostare questa partita e magari, portarla a casa.

Nel frattempo c’è un vero e proprio dibattito sull’utilizzo da parte del tecnico dei giovani del vivaio napoletano e tal proposito l’allenatore Gigi De Canio

è intervenuto a Radio Marte in Marte Sport Live, dicendo la sua:

“Stasera contro i Rangers il Napoli non fallirà approccio e atteggiamento, ha ormai la mentalità giusta.

Poi credo che la conquista del primo posto sia una motivazione più che sufficiente.

Raspadori a sinistra? Perchè no?

Ha caratteristiche importanti, ovviamente molto diverse da Kvaratskhelia, ma può fare bene anche lì. Gaetano e Zerbin in campo contro Roma e Milan?

Un segnale importante che ha dato Spalletti che, innanzitutto, li ha lanciati perchè ha fiducia in loro e perchè la lettura delle partite gli ha consigliato di schierarli. Poi se in allenamento vede ragazzi motivati, che si allenano con serietà, è giusto premiarli.

Gaetano per me è una ottima mezz’ala, non so se potrebbe giocare nel ruolo di Lobotka, credo che lo slovacco, per caratteristiche, sia l’unico insostituibile del Napoli”.