fbpx

Napoli-Lobotka: “Calciatore capace di attivare il gioco anche se marcato stretto”

Napoli-Lobotka

Napoli-Lobotka: “Calciatore capace di attivare il gioco anche se marcato stretto”

E’ il Corriere dello Sport ad esaltare la stagione di Stanislav Lobotka. Sulle sue colonne si sottolinea la forza del centrocampista slovacco,

che in poco tempo è riuscito a trovare la quadra al gioco della squadra di Luciano Spalletti.

Proprio il tecnico ha fatto un gran lavoro sul calciatore fino ad assegnargli la regia del centrocampo allo scopo di costruire per il reparto avanzato.

Stanislav riesce a mantenere la lucidità e la freddezza durante il gioco anche quando è marcato ad uomo, in questo modo crea le linee di passaggio

per i suoi compagni d’attacco.

Il Napoli di questo inizio stagione è un rullo compressore nella costruzione del gioco e nelle realizzazioni. E’ finora alla tredicesima partita consecutiva

vittoriosa tra campionato e Champions League e ha realizzato 50 gol, con i quattro messi a segno contro il Sassuolo nella dodicesima giornata di campionato.

La squadra di Spalletti ha una capacità offensiva dirompente e il Corriere dello Sport elogia proprio Stanislav Lobotka è il punto cardine per la partenza delle

manovre offensive: “Oggi il Napoli è attacco rapido e tecnico e difesa solida e robusta. Il suo gioco nasce da quella mente illuminata (da Spalletti…) di Lobotka,

un tipo di regista tattico e tecnico allo stesso tempo: lo slovacco, molto spesso marcato a uomo, esce dal controllo dell’avversario e apre e dilata la manovra

napoletana appoggiandosi sia ai due interni che agli esterni. Il repertorio di classe assoluta di cui è in possesso Kvaratskhelia consente a Lobotka

e ai suoi colleghi di reparto di pescarlo sulla fascia ma anche all’interno.

Sui corridoi laterali attaccano i terzini meglio inseriti nel contesto di tutto il campionato, Di Lorenzo a destra e Mario Rui (diventato in questa stagione uno

dei migliori esterni d’Europa) a sinistra. Vanno dentro senza palla sia Zielinski che Anguissa e questo inserimento a fari spenti garantisce sempre una

massiccia presenza di napoletani in area avversaria”.