fbpx

Atalanta-Napoli, i precedenti: la scorsa stagione a Bergamo una vittoria dal sapore di Scudetto, poi…

I precedenti a Bergamo tra Atalanta e Napoli sorridono agli orobici anche se una stagione fa gli azzurri annusarono lo Scudetto prima del grande crollo.

BERGAMO nonostante la prima sconfitta stagionale in quel di Anfield, ha mantenuto il primo posto nel girone di Champions, riparte il campionato di Serie A.

Due settimane per il rush finale prima della pausa Mondiale con gli azzurri che affronteranno, in ordine, Atalanta, Empoli e Udinese. Si parte domani con l’anticipo delle 18.00 al Gewiss Stadium con il Napoli che affronterà proprio l’Atalanta in un match dal sapore di scontro tricolore con i nerazzurri che inseguono a 5 punti di lunghezze.

Gli uomini di Spalletti, che hanno ripreso gli allenamenti solo ieri dopo la trasferta europea voleranno a Bergamo con entusiasmo e con l’obiettivo di allungare in classifica. Tutti disponibili tranne Rrahmani.

Gasp, che ha potuto preparare il big match con la settimana tipo, arriva dall’ importante successo nel lunch match della scorsa settimana ad Empoli. Per la sfida ai partenopei dovrà, però, rinunciare oltre a Zappacosta e De Roon anche a Muriel fermato da una lesione muscolare. Sempre out per squalifica Palomino.

L’arbitro del match sarà il romano Mariani con Irrati al VAR.

Atalanta-Napoli, il segno X manca dal 2014.

Napoli e Atalanta si sono affrontate, in totale, 118 volte, 108 se si considerano solo gli incroci in massima serie. Il bilancio totale sorride al Napoli con 45 vittorie contro le 29 affermazioni della Dea.

Il dato che balza all’occhio è quello relativo ai gol: Atalanta-Napoli è sinonimo di spettacolo con una media di 2 gol e mezzo a partita. Guardando i dato di questa stagione, in termini di gol, non è difficile ipotizzare l’ over anche per domani.

Dei 51 precedenti a Bergamo gli orobici sono avanti con 22 vittorie. 11 affermazioni partenopee e 18 pareggi. Negli ultimi 12 anni c’è più equilibrio con il Napoli ad una sola vittoria dall’Atalanta (5 contro 6).

L’ultima volta un Napoli spettacolare si impose con il risultato di 3-1 con il doppio vantaggio di Politano e Insigne, gol di De Roon per i padroni di casa ed Elmas a fissare il punteggio. La gara giocata nello scorso 3 aprile aveva illuso gli ospiti sulle possibilità di Scudetto svanite, poi, nelle successive tre gare con Fiorentina e Roma in casa e Empoli in trasferta, dove si racimolò soltanto un punto.

Il segno X, invece, manca da ben 8 anni, ovvero dal 29 ottobre 2014. In quella occasione finì 1-1 con gol argentini: Denis per gli orobici e Higuain per gli azzurri, lo stesso Pipita, sul punteggio ancora di 1-0 sbagliò un rigore.

E’ invece del 21 febbraio 2021 l’ultima sconfitta azzurra con i bergamaschi: 4-2 il risultato finale con tutti i gol nel secondo tempo. Parte la Dea con Zapata ripresa da Zielinski, Gosens e Muriel a metter di nuovo la freccia, azzurri che riaccesero le speranza grazie ad un’autorete dello stesso terzino tedesco oggi all’Inter e Romero a fermare, poi, qualsiasi velleità di rimonta.