fbpx

Napoli-Udinese, i precedenti: gli azzurri non conoscono sconfitta in casa dall’aprile del 2011

I precedenti a Fuorigrotta tra Napoli e Udinese in serie A: serie mostruosa di vittorie per gli azzurri con l’ultima sconfitta nel lontano aprile del 2011.

Napoli-Udinese, i precedenti: gli azzurri non conoscono sconfitta in casa dall’aprile del 2011.

Ultimo turno di serie A dell’anno solare 2022 valido per la 15esima giornata e poi sarà pausa mondiale. Una cinquantina di giorni senza campionato, una cinquantina di giorni senza ansie di classifica per dare spazio all’ inusuale rassegna iridata che andrà di scena in Qatar.

Gli azzurri preparano, dopo l’ultima importante vittoria casalinga contro l’Empoli, con il +8 sulle seconde, la prossima gara, sempre al “Maradona” contro la sorprendente Udinese. La squadra di Sottil, partita a razzo, si attesta all’ottavo posto con 24 punti ma con solo 4 punti guadagnati nelle ultime 5 giornate (martedì scorso 1-1 a La Spezia, ndr). Manco a dirlo a Castel Volturno c’è la volontà di chiudere l’anno solare almeno con gli stessi punti di vantaggio attuali sulle seconde.

Spalletti spera di recuperare Kvaratskhelia, fermato dalla lombalgia nelle ultime due gare. Nel caso il georgiano dovesse dare ancora forfait le alternativa sarebbero rappresentate da Lozano ed Elmas con quest’ultimo favorito. Arrivederci al 2023, invece, per Rrahmani e Sirigu.

Sul fronte friulano, invece, diverse defezioni: alle già scontate assenze di Masina e Makengo si aggiungono quelle di Becao e Udogie. Sottil, per mettere in difficoltà la capolista, proverà con il duo Success e Deulofeu ma con Beto pronto a far male dalla panchina.

Domani alle 15.00 il calcio di inizio sarà dato dal sig. Ayroldi. Il fischietto pugliese sarà coadiuvato al VAR da Abisso, arbitro della sezione di Palermo. Dopo Pairetto per Napoli-Empoli ancora un figlio (e nipote) d’arte al “Maradona”, quindi.

Napoli-Udinese, 76 confronti tra intrecci di mercato e tanti ex.

Domani sarà il 77esimo confronto in serie A tra Napoli e Udinese all’ombra del Vesuvio (l’81esimo in totale). Gli azzurri vantano, per i soli incontri casalinghi, ben 40 vittorie, 25 pareggi e 11 sconfitte, sconfitta che tra l’altro, latita da poco più di undici anni.

Nell’ultimo confronto, una stagione fa, il Napoli trovò la sua 40esima vittoria contro i friulani, in rimonta, per 2-1 (marzo 2022, ndr). Al gol di Deulofeu, che chiuse il primo tempo con gli ospiti in vantaggio una doppietta di Osimhen firmò il sorpasso azzurro.

Più datati invece l’ultimo pareggio e l’ultima sconfitta azzurra. Nel dicembre 2013 un pirotecnico 3-3 : azzurri avanti di due reti con Pandev con l’autorete di Fernandez a rimettere in gioco gli ospiti, nel secondo tempo Bruno Fernandes completa la rimonta ma è ancora il Napoli a spegnere gli entusiasmi ospiti con Dzemaili  che riporta i partenopei avanti dopo appena un minuto ma a dieci minuti dalla fine Basta chiude le ostilità firmando il definitivo pareggio.

Come detto, per rivedere i friulani corsari a Fuorigrotta, bisogna tornare alla stagione 2010/2011, per la precisione aprile 2011. Tutto nel secondo tempo: Inler e Denis in pochi minuti portano i bianconeri avanti, un rigore sbagliato da Cavani (all’ 88esimo) infrange le ultime speranze di rimonta dei partenopei che trovano il gol della bandiera al settimo minuto di recupero con Mascara.

La gara di domani sarà anche la gara di un bel po’ di ex: Alex Meret e Zielinski in campo oltre a Spalletti in panchina, dall’altro fronte Pierpaolo Marino dirigente udinese. Deulofeu, fantasista spagnolo dell’Udinese, è, invece, tra gli ex mancati: infatti l’ex canterano del Barcellona ha sfiorato il passaggio all’ombra del Vesuvio, nella scorsa estate.

Ma tra i due club anche tanti incroci di mercato passati: Policano, Rosssitto, Quagliarella, Bia, Jankulovsky, Pineda, Armero, Denis e altri ancora a confermare il rapporto privilegiato tra la famiglia Pozzo e la società azzurra prima con Ferlaino e ora con De Laurentiis.