fbpx

Min-Jae Kim, Venerato: “Saranno riviste le cifre della clausola rescissoria”

Min-Jae Kim

Kim

Min-Jae Kim, Venerato: “Saranno riviste le cifre della clausola rescissoria”

E’ previsto un incontro con l’entourage del forte centrale napoletano per rimuovere la clausola rescissoria, oppure cambiare le cifre, a seconda delle squadre che saranno interessate al coreano.

In breve ha fatto dimenticare ai napoletani un certo Kalidou Koulibaly che pure aveva invaso i cuori dei tifosi.

Il suo gioco, del tutto naturale per posizione da tenere in campo e per tempestività di interventi, ha da subito colpito tutti coloro che seguono il Napoli per passione o per raccontarne le gesta.

Sosta dei campionati per il mondiale in Qatar

Con la sosta dei campionati, quello italiano propone in testa alla classifica con 41 punti la squadra di Luciano Spalletti che, oltre a detenere numeri importanti per quanto riguarda l’attacco, può anche vantare significativi riconoscimenti per il lavoro svolto dalla difesa e, in particolare da Kim.

Il ragazzo 26enne ha saputo integrarsi nel contesto di squadra in maniera determinante, comprendendo appieno le dinamiche del gruppo e le finalità della società che, attraverso la guida tecnica di Luciano Spalletti, sta meritando riconoscimenti a livello nazionale e internazionale.

Kim Min-Jae centrale del Napoli di Spalletti

Ciò che sarà dopo il mondiale sarà sicuramente frutto del lavoro di squadra, in cui Kim è uno dei rappresentanti di cui si può soltanto dire un gran bene.

Di lui ha parlato a “1 Football Club”, programma radiofonico in onda su 1 Station Radio, Ciro Venerato, giornalista ed esperto di mercato Rai“Per il prossimo anno, per quanto riguarda Kvara e Kim, c’è un clima di assoluta serenità, Zaccardo, intermediario di Khvicha, è in contatto con il club azzurro.

A fine stagione il Napoli vuole premiare il calciatore. Per Kim, invece, vale la clausola valida all’estero, ma non è la cifra unica di 50 milioni, ma a partire da questa.

Ci sono diverse fasce nelle quali sono inserite delle squadre, quelle con il fatturato più basso potrebbero versare 50 milioni, ma top club, invece, dovranno versarne 80. In primavera, tuttavia, ci sarà un colloquio con l’entourage per cambiare le cifre della clausola o rimuoverla”.