fbpx

L’Argentina vince il Mondiale dopo 36 anni nel segno di Diego: ora tocca al Napoli…

SSC Napoli Instagram Maradona Messi

L’Argentina vince il suo Mondiale ora il Napoli deve completare l’opera: tutti i corsi e i ricorsi storici nel segno di Diego Armando Maradona.

L’Argentina vince il Mondiale dopo 36 anni nel segno di Diego: ora tocca al Napoli…

Era tutto scritto: al primo Mondiale senza Diego l’Argentina doveva trionfare, nel suo ricordo e nella sua leggenda. Lui, il Pibe de Oro, l’ultimo a riportare sul tetto del Mondo l’Argentina nell’ 86.

Nel 2022, ieri a Doha, ci ha pensato Messi in una finale ricca di gol e di emozioni: doppietta e tante giocate a trascinar i compagni. E poco importa che ad alzar la Coppa la Pulce ha dovuto indossare una sorta di telo del barbiere.

Argentina Mondiale dopo 36 anni, Leo dopo Diego e il cerchio si chiude: Buenos Aires in festa ma anche Napoli con i tanti argentini a festeggiare nel centro storico della città partenopea, a piazza Dante e ai Quartieri Spagnoli. Ancora il Pibe de Oro che crea il ponte tra i due popoli.

E ora? E ora tocca al Napoli…Le troppe coincidenze astrali ora vogliono il Napoli Campione, sempre nel segno di Diego.

Terzo titolo per l’Argentina, terzo titolo per il Napoli?

Il Napoli vince il suo primo Scudetto il 10 maggio del 1987, undici mesi prima, nell’ estate ’86 la Seleccion, con Maradona, era salita sul tetto del Mondo a Città del Messico. Dopo 26 anni l’Argentina vince il suo terzo titolo, in un inedito torneo iridato invernale; le coincidenze vogliono ora il Napoli vincitore, a giugno, dello Scudetto e, guarda un po’, sarebbe il terzo titolo d’Italia in bacheca. La cabala insegna, a Napoli bisogna toccar ferro e anche altro ma intanto, a quasi metà campionato, il team di Spalletti è primo con 8 lunghezze di vantaggio sul Milan…

Per rafforzare la tesi, poi, ci sarebbe anche un’altra strana coincidenza: il Boca Juniors Campione d’Argentina. Proprio così l’altra squadra del cuore di Diego è diventata campione e, quindi dopo Boca e Albiceleste…non c’è due senza tre…